Notizie locali
Pubblicità

Catania

Pulizia, sicurezza urbana e mobilità: ecco le priorità dei catanesi. È un'agenda per il nuovo sindaco

Di Cesare La Marca

CATANIA - I temi sono quelli di una grande e problematica città del sud - sicurezza, mobilità, servizi, trasporti pubblici, decoro urbano, rifiuti - e delineano la complessa realtà di Catania e le sue istanze; una “foto” che potrà anch’essa essere utile alla nuova Amministrazione, proprio perché scattata da chi questa realtà vive quotidianamente, attraverso il sondaggio on line realizzato dall’Istituto Demopolis, in collaborazione con “La Sicilia” e Telecolor. Dal sondaggio, su un campione di 802 catanesi, emerge una valutazione insufficiente, per il 72% degli intervistati, sul funzionamento dei servizi pubblici in città. Come vediamo nella seconda tabella pubblicata a fianco, nell’agenda del sindaco Pogliese i cittadini chiedono attenzione intanto per la pulizia della città, la gestione integrata dei rifiuti e la raccolta differenziata, nota dolente con un riciclo oggi sotto il dieci per cento, e ben quattro gare del nuovo appalto da 350 milioni andate a vuoto.

Pubblicità

I catanesi chiedono una svolta, ma non sarà facile invertire la tendenza e accelerare seriamente sulla differenziata, almeno finché il nuovo appalto - al quinto tentativo opportunamente “spacchettato” con la città divisa in due lotti - non verrà aggiudicato. Subito dopo, nell’agenda della città deve trovare spazio la questione del degrado nell’area di corso Sicilia e nei quartieri, e a seguire il tema della sicurezza urbana e il contrasto alla criminalità, quindi la mobilità, con il miglioramento dei servizi di bus e brt, e ancora la situazione del traffico nella zona del Tondo Gioeni, tuttavia oggettivamente migliorata dopo gli ultimi interventi sulla viabilità da parte dell’Amministrazione uscente.

Nella terza tabella trovano spazio le priorità che i catanesi mettono all’attenzione del nuovo sindaco. Anche qui, i temi sono quelli su cui si misurerà la capacità amministrativa e l’efficienza della Giunta Pogliese, considerando anche tutte le difficoltà più o meno croniche e pregresse da affrontare. I rifiuti, dunque, croce dei catanesi, banco di prova severissimo in una situazione oggettivamente disastrosa, quindi mobilità e parcheggi, con alcuni passi avanti nell’integrazione di tariffe e servizi, e la manutenzione delle strade, con i fondi del Patto per Catania ancora in fase di spesa, e diversi interventi programmati o in cantiere. E poi quartieri e periferie da riqualificare, sicurezza, efficienza dei trasporti pubblici, degli ospedali e dei servizi socio-sanitari: l’augurio di un buon lavoro alla nuova Giunta è forse il minimo che si possa fare.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: