home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Rischio contagio tubercolosi su Diciotti "Poliziotti si sono pagati accertamenti"

La denuncia è della Federazione Sindacale di Polizia che definisce "inacettabile" quanto accaduto agli agenti di Catania

Rischio contagio tubercolosi su Diciotti "Poliziotti si sono pagati accertamenti"

CATANIA - «I poliziotti impegnati nei servizi relativi alla permanenza della nave "Diciotti" nel porto di Catania, a bordo della quale viaggiavano due migranti poi ricoverati per tubercolosi, hanno dovuto successivamente effettuare tutti gli accertamenti sanitari per verificare di non aver subito un eventuale contagio, ma pagando di tasca propria le spese mediche». Lo ha denunciato da Catania la Federazione Sindacale di Polizia (Fsp).


Dopo essere venuto a conoscenza della vicenda il questore di Catania, Alberto Francini, ha disposto l’immediato rimborso dalle spese sostenute dagli agenti. «Non è ammissibile che i corto-circuiti dovuti a meccanismi burocratici farraginosi e perversi - ha detto il segretario provinciale di Catania dell’Fsp Giuseppe Sottile - ci vedano ancora qui a dover ribadire che l’incolumità degli operatori deve essere la prima preoccupazione per uno Stato che chiede loro di mettere a rischio la vita ogni giorno al servizio degli altri. Qualcosa di inaccettabile che, a Catania, è culminata nell’ultima offesa: costringere i poliziotti a pagarsi gli accertamenti medici da soli». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa