Notizie locali
Pubblicità
Covid, Aeroporto di Catania sotto assedio per intercettare per tempo varianti “sospette”

Catania

Covid, Aeroporto di Catania sotto assedio per intercettare per tempo varianti “sospette”

Di Maria Elena Quaiotti

Catania - Tamponi e vaccini: si “corre” e si “pressa”. Dopo l'ordinanza regionale di giovedì sera che prolunga (almeno) fino al 6 aprile la possibilità di effettuare gratuitamente, e su base volontaria, i tamponi antigenici rapidi per i passeggeri non pendolari, al Terminal C dell'aeroporto Fontanarossa di Catania la priorità è rimpinguare il personale medico per far fronte ai flussi previsti, in sostanza a oggi ci sono 26 medici e dovrebbero essere almeno 40. Un'attenzione particolare viene data alle varianti del Covid, grazie a tamponi di seconda generazione riservati a chi arriva da località considerate a rischio.

Pubblicità

Sul fronte vaccini, all'ex mercato ortofrutticolo di San Giuseppe La Rena, dove la richiesta maggiore di chi arriva per vaccinarsi è la rassicurazione sul fatto che “vaccinarsi sia l'unica scelta possibile - come ripete convinto Giuseppe Liberti, commissario Covid per l'area metropolitana etnea - l'Hub è pronto per arrivare alla soglia prevista di cinquemila vaccini al giorno, ma i limiti sono dettati sia dalle scorte di vaccino disponibili, sia dalle categorie contingentate, a oggi forze dell'ordine e personale scolastico, un po' restio a vaccinarsi. A oggi solo all'Hub somministriamo 7-800 vaccini al giorno, di cui 500 insegnanti»..

Ieri mattina all'aeroporto il flusso di passeggeri verso il “Covid test area” era sostenuto, ma disciplinato, tempi di attesa tra esecuzione e consegna referto di un quarto d'ora, massimo venti minuti. Un segnale positivo “che conferma il trend avuto fino a oggi - sottolinea Francesco Grasso Leanza, responsabile attività aeroportuali per l'ufficio del Commissario Covid di Catania – dal 14 dicembre, quando siamo partiti, su 176 mila passeggeri in arrivo ne abbiamo tamponati 96 mila, una media del 60%, trovando oltre 200 positivi e rispondenza del 100% con il tampone molecolare. Con la nuova ordinanza che scade il 6 aprile riattiveremo il servizio, che ha sofferto delle “migrazioni” dei medici verso le scuole di specializzazione, dovremo quindi reimportare il numero dei medici per continuare a offrire un servizio rapido ed efficace. Durante le feste di Natale siamo arrivati a 80 medici, oggi sono 26 quindi dovremo arrivare almeno a 40 per contenere l'afflusso dei passeggeri durante il periodo pasquale, quando probabilmente, salvo deroghe e in base agli indici Rt, le regioni riapriranno e si consentirà il rientro. Intanto sino al 6 aprile continueremo lo screening, il nostro personale è schierato ogni giorno con l'aiuto dei volontari della protezione civile, che ci danno grande supporto”.

La percentuale di positivi non è altissima, ciò che si temono oggi sono forse le varianti del Covid. “I passeggeri – precisa - che arrivano da paesi indicati a rischio vengono screenati e, se sospetti, i tamponi vengono mandati al laboratorio del prof. Scalia al Policlinico. In caso di presenza di varianti, data l'alta contagiosità, cambiano le condizioni di isolamento dei pazienti: non più dieci giorni ma 14 e tampone negativo per poter uscire”. Inoltre, si sta testando un macchinario per “tamponi di seconda generazione – aggiunge Liberti – che non solo riducono il margine di possibile errore, ma individuano con certezza anche la variante inglese e la quantità di antigene. È sempre un tampone rapido, ma ci vuole qualche minuto in più”.

All'Hub vaccini ieri è stato montato il display “elimina code” all'esterno, intorno alle 11.30 erano già stati somministrati trecento vaccini, tre quarti d'ora il tempo richiesto a chi si vaccina. “Sono quattro milioni i siciliani da vaccinare – spiega Liberti – la struttura siciliana, organizzata in maniera eccellente dalla protezione civile, è in grado di vaccinarne un milione al mese, significa che se avessimo i vaccini li faremmo in 4-5 mesi. A oggi abbiamo vaccinato 350 mila persone in tutta l'isola, poco meno del 10%, che non è male, ma non è con questi numeri che si immunizza una popolazione”. “In chi viene a vaccinarsi la preoccupazione c'è – commenta uno dei medici, Vito Litrico – la nostra azione sta nel riportarli alla serenità, con umanità. Alla fine tutto si risolve, ed escono da qui consapevoli di aver fatto una cosa importante per sé stessi e per gli altri”.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: