Notizie locali
Pubblicità
Covid, sanitari Policlinico di Palermo: «Giusto che ci vaccinino per primi»

Covid-19

Covid, sanitari Policlinico di Palermo: «Giusto che ci vaccinino per primi»

Di Redazione

PALERMO - La maggioranza dei medici, degli infermieri e del personale del Policlinico di Palermo ritiene corretto che siano i sanitari i primi a essere vaccinati. E' quanto emerge da un sondaggio a cui hanno aderito circa 500 dipendenti dell’azienda ospedaliera e che è stato condotto da un team multidisciplinare dell’Università di Palermo guidato da Lucia Craxì, bioeticista del Dipartimento Bind, e da Vincenzo Restivo, igienista del Dipartimento Promise. Il questionario si è posto l’obiettivo di rispondere con rigore scientifico per conoscere se il personale sanitario sia motivato nell’accedere per primo ai vaccini. Minore invece è l’accordo sulla priorità da dare agli altri gruppi, quali anziani ricoverati nelle Rsa e lavoratori dei servizi essenziali. Il personale sanitario è invece concorde nel ritenere che le persone più giovani e a minore rischio di complicazioni debbano essere in ordine di tempo le ultime a vaccinarsi.

Pubblicità

"Per assicurare il massimo beneficio possibile, - spiegano i medici che hanno condotto la ricerca - le scelte sulle classi a cui attribuire priorità nella vaccinazione vanno fatte sulla base delle migliori evidenze scientifiche a disposizione, ma è altrettanto importante chiarire quali principi stanno alla base di queste scelte, quali valori sono in gioco e qual è l’opinione dei protagonisti di queste scelte. Questo è ancora più vero nel caso del personale sanitario che, aderendo in massa al piano vaccinale, potrà convincere con la propria partecipazione tutti coloro che in questo momento esitano di fronte a un vaccino tanto atteso». E’ bene ricordare aggiungono i medici che «una vaccinazione di massa accettata da almeno il 60% della popolazione italiana e che consenta di ottenere l’immunità di gregge sarà uno strumento essenziale per vincere la battaglia contro il Covid-19. Tuttavia la strada è ancora lunga: la quantità di dosi di vaccino Pfizer-BioNTech a disposizione ha imposto di scegliere a quali gruppi di persone dare accesso per primi. L’Italia, come molti altri paesi, ha scelto di vaccinare prima il personale sanitario, insieme agli ospiti e al personale delle Rsa». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: