home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Sicilia, la grande bellezza irraggiungibile: ecco perché Sgarbi vuole "esportare"

La carenza infrastrutturale nell'Isola allontana per ragioni logistiche e di tempo molti turisti da alcuni dei siti più importanti e suggestivi

Sicilia, la grande bellezza irraggiungibile: ecco perché Sgarbi vuole "esportare"

Una strada interrotta nell'Ennese

E’ così, ovviamente. Lo diciamo da sempre e mentre passano i mesi, gli anni e cambiano persino i secoli, l’infrastrutturazione della Sicilia procede a rilento, con più opere bloccate, rimandate sine die, cantieri fermi, progetti da rivedere, modificare e correggere. E le Ferrovie, che devono fare opere per miliardi, con binari che circumnavighino e taglino l’Isola, ma intanto fanno solo ciuf ciuf e hanno dimenticato pendolari, tratte interne e il servizio effettivamente locale.


Risultato? Ovvio, la Sicilia ha il record di siti Unesco, ha il mare che si vede dalla montagna innevata, il vulcano che erutta nel cuore del mare, un numero di musei forse pure esagerato, teatri greci e romani, Dee, satiri danzanti, un Barocco affascinante, Templi mozzafiato, città splendide e paesi incantevoli. Però. Però per raggiungere i vari luoghi e percorrere certe distanze, che altrove copri in tempi ragionevoli e compatibili con la vacanza, qui servono ore, qualche volta giorni.

Esempi? Basterebbe andare a spulciare i siti dove i turisti lasciano le loro impressioni e i giudizi sui viaggi per avere un quadro esemplare e mortificante. Poi pensiamo ad un turista che decida di vedere la dea di Morgantina e il Satiro danzante di Mazara del Vallo. Ci sta, no, una scelta del genere? Sì. E allora in automobile il turista impiegherebbe 3 ore e 30 per percorrere poco più di 200 chilometri. In treno? Enna-Mazara 12 ore. Dodici.

E se la scelta fosse fatta dal turista tra due luoghi incantanti, dal Teatro Greco di Taormina alla Valle dei Templi? 214 chilometri, previsione almeno 2 ore e 36, percorso più breve, ma non il più comodo, forse. In treno? Se parti all’alba c’è un treno veloce veloce che ci impiega 4 ore. Uno più comodo come orario c’è, ma ci impiega 14 ore.

Terza ipotesi, trasferimento da Siracusa (che vuol dire anche la vasta area del Sud Est, ovviamente) a Segesta, verso le suggestioni del Parco archeologico. 335 chilometri, in auto quasi 4 ore, in treno ce ne vorrebbero 16, più o meno. Ma lo diciamo per sottolineare quanto si viaggi, in questo caso, sull’onda del paradosso. In qualsiasi altrove del nostro Paese e, tanto più, in giro per l’Europa e per il mondo, il turista non pensa quasi mai ad affittare un’auto, ma viaggia con la carta di Metropolitane e Ferrovie.

Chiudiamo con un Noto-Erice? 400 chilometri, quasi 5 ore. Certo, la distanza c’è. E se azzardiamo, allora, un Ragusa Ibla-Caltagirone, che fanno 60 chilometri? Un’ora e sei minuti in auto. Si può fare. Ma servono a bordo xamamina in quantità industriale e tanta pazienza. E certo, non è che puoi portare in giro per il mondo il Barocco di Ibla. Tanto meno la scalinata di Caltagirone.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 9
  • Etty99

    Etty99

    10 Gennaio 2018 - 08:08

    Sgarbi ha pienamente ragione, siamo noi siciliani che non vogliamo capire, dando i voti sempre a quelle persone o quei partiti che ci hanno governato per 70 anni è ridotto LA SICILIA IN QUESTO STATO. Vogliamo cambiare le cose, chiediamo a Sgarbi a gran Voce di restare a Governare per 5 anni ed aiutiamolo a cambiare, per esempio: Facciamo adottare un monumento o una zona ad un filantropo che finanzi la rinascita Turistico/Culturale del monumento adottato. Creiamo un grande Cantiere di lavori che si chiami Sicilia. Non è problem di soldi, i soldi ci sono (fondi europei), sfruttiamo il Sole, il Turismo, le bellezze architettoniche e vedrete che in 5 anni di lavoro serio, utilizzando tutti i cittadini siciliani di buona volontà, liberi professionisti, dipendenti pubblici, volontari, tutti insieme per lavorare una volta finalmente per la nostra Sicili?

    Rispondi

    • turiranco

      11 Gennaio 2018 - 17:05

      Su cosa Sgarbi ha ragione? Sul fatto che Aidone si trovi troppo isolata ad un ora e mezza di strada da Catania e 15 da Piazza Armerina? Smettiamola di piangere e chiediamoci piuttosto (questo dovrebbe fare un Assessore serio) perche' solo una piccola percentuale dei turisti che si recano a Piazza Armerina non proseguano anche per Aidone ( e non mi dite che il problema e' di carenze strutturali)

      Rispondi

  • Tanja

    10 Gennaio 2018 - 09:09

    Ha scoperto l´acqua calda il Sig. Sgarbi? Chi ha governato per tanti anni la nostra Isola senza mai aver fatto nulla per risolvere il problema delle Infrastrutture? Invece di sprecare tempo e soldi in "fotocopie" perche non impegnano i soldi e il tempo per costruire "finalmente" le strade per portare i turisti sui Siti?

    Rispondi

Mostra più commenti

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa