Notizie locali
Pubblicità
Violenza donne, schiaffi e pugni a fidanzata: denunciato

Cronaca

Incastrato dal tema della figlia, padre padrone condannato in appello

Di Redazione

A incastrarlo fu un tema della figlia che raccontò a compagni di classe e professori il suo difficile rapporto con il padre-padrone. Un quarantenne violento che picchiava la madre e la teneva a casa segregata e che impediva a lei, appena adolescente, di uscire con gli amici e di usare i social. L’uomo fu accusato di maltrattamenti e condannato. Oggi la corte d’appello di Palermo gli ha dato due anni e sei mesi.

Pubblicità

La storia è accaduta a Partinico, paese del Palermitano. In un tema la ragazzina scriveva: «Se c'è amore, non c'è violenza. Se penso questo è perché ci sono passata, anche se non sono stata io a subire le violenze di mio padre, ma mia madre. Nessuno può capire il suo dolore, delle mie sorelle di mio fratello e soprattutto di mia madre, nessuno! Io non perdonerò mia mio padre perché è senza cuore e ci ha fatto soffrire».

Un richiesta di aiuto e ascolto recepita dai professori che contattarono la famiglia: mentre la madre tentò di ridimensionare le accuse, la nonna, che era l’unica a prendersi cura della ragazzina e dei fratelli, dopo un’iniziale difficoltà ammise le violenze.
Sentita dai magistrati alla presenza degli psicologi, la studentessa confermò quanto raccontato nel tema e venne ritenuta credibile.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA