home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Monossido di carbonio dal braciere, famiglia messa in salvo in extremis

Padre, madre e due figli di 15 e 14 anni si stavano scaldando in una camera da letto della loro abitazione a Ventimiglia di Sicilia, nel Palermitano: rimasti intossicati, sono stati soccorsi da sanitari del 118 e per alcuni di loro si è poi ricorso a trattamento in camera iperbarica

Monossido di carbonio dal braciere, famiglia messa in salvo in extremis

PALERMO - Una famiglia è rimasta intossicata dal monossido di carbonio sprigionato da un braciere utilizzato per scaldare la camera da letto al Ventimiglia di Sicilia. Padre, madre e due figli di 15 e 14 anni, sono stati soccorsi dai sanitari del 118 al Villaggio La Madonnina, in contrada Traversa a Ventimiglia di Sicilia, nel Palermitano.

I carabinieri hanno trovato il secchio con del carbone ancora ardente. La famiglia è stata trasportata al Policlinico. Alcuni intossicati sono stati sottoposti a trattamento in camera iperbarica. Non sono in pericolo di vita.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa