Notizie locali
Pubblicità
A Salina sigilli a 3 case del manager Giacchetto accusato di riciclaggio

Cronaca

A Salina sigilli a 3 case del manager Giacchetto accusato di riciclaggio

Di Redazione

PALERMO - I finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Palermo, nell’ambito di indagini coordinate dalla Procura del capoluogo, hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo, emesso d’urgenza dal Pubblico Ministero, nei confronti di Faustino Giacchetto, di 57 anni, dei due figli e di Gioacchino Imburgia, di 53 anni, relativo a tre unità immobiliari site nel comune di Santa Marina Salina, nell’arcipelago delle Eolie, ritenute oggetto di condotte di riciclaggio/auto-riciclaggio.

Pubblicità

L'indagine delle Fiamme Gialle del Nucleo di polizia economico-finanziaria ha tratto origine dagli esiti degli accertamenti svolti qualche anno fa nei confronti di un presunto comitato d’affari - ideato, promosso e diretto da Faustino Giacchetto e composto da numerosi professionisti ed imprenditori - che, attraverso la sistematica corruzione di esponenti politici e dirigenti pubblici, nonchè lo "schermo" di uno storico ente di formazione professionale siciliano (il Ciapi), avrebbe illecitamente percepito contributi pubblici per diversi milioni di euro e condizionato il regolare svolgimento delle gare di appalto per la gestione di "grandi eventi" in Sicilia. 

In relazione a tali condotte Faustino Giacchetto è stato destinatario nel giugno 2013 di misure cautelari personali e reali disposte dal gip di Palermo e, successivamente, gli sono state applicate dal locale Tribunale anche severe misure di prevenzione personali e patrimoniali (con confisca di un ingente patrimonio).

Successivi approfondimenti investigativi, svolti dagli specialisti del Gruppo Tutela Spesa Pubblica del Nucleo di polizia economico-finanziaria, hanno consentito di appurare che Giacchetto, nel corso delle indagini a suo carico, avrebbe effettuato operazioni finanziarie e immobiliari finalizzate a sottrarre parte del proprio patrimonio ad eventuali provvedimenti di sequestro.

In particolare, nel marzo del 2013, pochi mesi prima di essere tratto in arresto, avrebbe emesso tre assegni circolari per un totale di 550 mila euro a favore della società immobiliare Gestione Residenze Siciliane srl, con sede a Bagheria, nel palermitano, rappresentata dall’imprenditore Gioacchino Imburgia, senza alcun atto scritto, così integrando il reato di trasferimento fraudolento di valori. 

A dicembre del 2018, dopo la definizione del primo grado della procedura di prevenzione a carico di Faustino Giacchetto, la società immobiliare avrebbe ceduto ai figli di Giacchetto tre unità immobiliari site nel comune di Santa Marina Salina per un prezzo complessivo di 550 mila euro, corrisposto utilizzando proprio i tre assegni consegnati a Imburgia nel marzo del 2013. In tal modo Faustino Giacchetto sarebbe riuscito a sottrarre tale somma all’esecuzione dei sequestri (penale e di prevenzione) disposti nei suoi confronti e dei suoi prossimi congiunti.

I tre immobili, del valore complessivo stimato in circa 850 mila euro, sarebbero stati messi "a reddito" dai Giacchetto, utilizzandoli per locazioni brevi a fini turistici.

A seguito dell’approfondita ricostruzione dell’operazione, l'indagato è stato denunciato per auto-riciclaggio, mentre a carico dei figli e di Gioacchino Imburgia è stato ipotizzato il reato di riciclaggio, trattandosi di una compravendita che ha reimmesso nel circuito legale detta illecita provvista di denaro, frutto del trasferimento fraudolento del 2013, ostacolando l'identificazione della sua provenienza delittuosa.

Il Pubblico Ministero, condividendo le conclusioni investigative, ha emesso un decreto di sequestro preventivo in via di urgenza, relativo ai tre immobili. Il provvedimento è stato convalidato dal gip del Tribunale di Palermo. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA