home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Maltempo, l'"editto" di Musumeci: «Diffido sindaci su uso di case vicino a fiumi e coste»

Il presidente della Regione, nel corso di una riunione della giunta regionale sull'alluvione, ha stabilito il provvedimento e ha annunciato che impiegherà un migliaio, tra forestali e lavoratori dei consorzi di bonifica, per la pulizia degli alvei dei fiumi

Maltempo, l'"editto" di Musumeci: «Diffido sindaci su uso di case vicino a fiumi e coste»

PALERMO - «Domani diramerò una nota con la quale si diffidano i sindaci a consentire l'uso, anche temporaneo e di villeggiatura, delle case nei pressi degli alvei dei fiumi e in prossimità delle coste. Sul fiume Milicia ci sono almeno quattro villette a ridosso». Lo dice il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci. 

«Stiamo predisponendo interventi su un’ottantina di fiumi: una quindicina in somma urgenza compreso il fiume Gornalunga nella zona di Catania, 28 saranno progetti del Genio civile, una decina della struttura del dissesto idrogeologico». «Da domani avvieremo al lavoro un migliaio di operai tra lavoratori dei consorzi di bonifica e forestale per cooperare nella pulizia degli alvei dei fiumi, per rimuovere tronchi d’alberi, fango e detriti - aggiunge -. Ho chiesto l’intervento dell’Esa che assicurerà l’attivazione di operai e mezzi meccanici nelle strade interpoderali e nelle strade di campagna». 

«Speriamo davvero che da Roma arrivi una risposta rapida. Abbiamo presentato richiesta per lo stato di emergenza nelle scorse settimane e non abbiamo avuto ancora risposta, ora la integreremo con i danni per l’alluvione di ieri. Dobbiamo capire l’entità dello stanziamento che intende deliberare il Cdm anche per organizzarci noi meglio». «Quello che ci preoccupa è anche l’intervento a favore delle aziende private - aggiunge Musumeci -. Decine di migliaia di ettari di coltivazioni intensive sono fuori uso, migliaia di imprenditori agricoli piangono dopo un anno di sacrifici, non potendo neppure coprire le spese. Spero che il governo nazionale consenta almeno alle imprese private un intervento concreto, efficace e tempestivo. Anche su questo fronte abbiamo chiesto giorni fa di concedere la deroga per l’ammissione al piano assicurativo». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa