Notizie locali
Pubblicità

Salute

Catania, muore a 21 per un'emorragia cerebrale: donati tutti gli organi

Di Redazione

Prelievo multiorgano ieri al S. Marco, a donare gli organi di un giovane di 21 anni di Ragusa che domenica scorsa, di pomeriggio, mentre insieme agli amici praticava attività all’aperto si è sentito male e ha perso conoscenza. All’arrivo dei soccorritori le condizioni cliniche si presentavano estremamente gravi, a causa di un’emorragia cerebrale.

Pubblicità

Trasportato in elicottero all’ospedale San Marco è stato sottoposto ad intervento neurochirurgico d’urgenza e quindi trasferito in rianimazione ma nonostante i tentativi dei sanitari di salvargli la vita il 12 maggio il ragazzo è morto. Il giovane però appena raggiunta la maggiore età, si era premurato di dichiarare ufficialmente il proprio favore alla donazione degli organi. E’ così partita la macchina organizzativa per il prelievo degli organi da parte del coordinatore aziendale per i trapianti dott. Alessandro Conte e del Referente trapianti del S. Marco dott.ssa Rosalinda Guglielmino. Il 13 maggio cinque equipe provenienti da tutta Italia, inclusa quella per il prelievo di cornee del Policlinico-San Marco diretta dal dott. Davide Scollo, hanno eseguito il prelievo multiorgano. Le destinazioni degli organi sono state rispettivamente il cuore a Udine i polmoni a Torino, il fegato a Roma, i reni a Padova e Palermo, il pancreas e le cornee a Palermo.

“Un nobile gesto – ha detto il Direttore Generale del Policlinico di Catania Gaetano Sirna - quello di questo sfortunato ragazzo che permetterà di restituire speranza e possibilità di vita ad altre persone e che si auspica rappresenti un modello positivo soprattutto per le giovani generazioni. Un grazie di cuore va alla famiglia, a cui siamo vicini in questa triste circostanza, che ha sempre tenuto un comportamento esemplare, confermando a sua volta la volontà del figlio e ringraziando tutti gli operatori sanitari per le cure ed il sostegno umano ricevuto”.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: