Notizie locali

Sicilian Post

Il le­ga­me tra de­vo­zio­ne
e moda: gli stu­den­ti ca­ta­ne­si pro­get­ta­no
gli abi­ti per San­t’A­ga­ta

Sicilian Post Il blog di SicilianPost.it

Pubblicità

Gio­va­ni, ta­len­tuo­si, con una gran­de pas­sio­ne per la moda. Sono gli stu­den­ti di Sto­ria del Co­stu­me per lo Spet­ta­co­lo del­l’Ac­ca­de­mia di Bel­le Arti di Ca­ta­nia, che per l’an­nua­le ap­pun­ta­men­to con Ma­gni­fi­cat, la mo­stra di abi­ti e co­stu­mi tea­tra­li de­di­ca­ti a San­t’A­ga­ta idea­ta e or­ga­niz­za­ta dal­la pro­fes­so­res­sa Li­lia­na Ni­gro e giun­ta que­st’an­no alla di­ciot­te­si­ma edi­zio­ne, si sono ar­ma­ti di ago, filo, stof­fe e de­co­ra­zio­ni per crea­re de­gli abi­ti dav­ve­ro uni­ci.

VE­STI­RE LA SAN­TUZ­ZA. «La pas­sio­ne per la moda è nata da pic­co­la, ho sem­pre se­gui­to le sfi­la­te dei più gran­di sti­li­sti e amo di­se­gna­re fi­gu­ri­ni di moda», dice la ca­ta­ne­se Fran­ce­sca Rio­lo, 33 anni, stu­den­tes­sa al ter­zo anno di fa­shion de­si­gner che so­gna di fare in­dos­sa­re uno dei suoi ca­po­la­vo­ri alla mo­del­la Nao­mi Cam­p­bell e di gi­ra­re il mon­do crean­do nuo­ve col­le­zio­ni. «Ho sem­pre avu­to una de­vo­zio­ne per San­t’A­ga­ta – ag­giun­ge – e rea­liz­za­re un abi­to per la no­stra San­tuz­za è un ono­re e un’e­mo­zio­ne uni­ca che mi fa ve­ni­re i bri­vi­di».

L’a­bi­to che ha rea­liz­za­to è in­cen­tra­to su due co­lo­ri: il bian­co per rap­pre­sen­ta­re la pu­rez­za e il can­do­re e l’o­ro per rap­pre­sen­ta­re la ric­chez­za spi­ri­tua­le del­l’a­mo­re per Cri­sto. E in­sie­me ad al­tre 200 crea­zio­ni dei col­le­ghi sfi­le­rà do­ma­ni, ve­ner­dì 1 feb­bra­io, alle 21, da piaz­za Uni­ver­si­tà a Pa­laz­zo dei Chie­ri­ci, sul­le note del jaz­zi­sta Fran­ce­sco Mi­stret­ta, del mez­zo­so­pra­no Ma­ria Rus­so ac­com­pa­gna­ta dal­l’En­sem­ble Mu­si­cain­sie­me di Li­bri­no e del coro Ma­nos Blan­cas.

L’abito realizzato da Francesca Riolo


L’AP­PUN­TA­MEN­TO CON LA MO­STRA. Ve­ner­dì 4 feb­bra­io alle 12, in­ve­ce, nei sa­lo­ni del­la Chie­sa Ma­don­na del Car­mi­ne sarà inau­gu­ra­ta un’e­spo­si­zio­ne di co­stu­mi e abi­ti sa­cri crea­ti da­gli al­lie­vi che han­no vin­to nel­le scor­se edi­zio­ni le bor­se di stu­dio mes­se in pa­lio dal­la Mai­son Alta Moda Spo­sa Ame­lia Ca­sa­blan­ca, che an­che que­st’an­no of­fri­rà a tre sti­li­sti emer­gen­ti uno sta­ge for­ma­ti­vo pres­so il pro­prio ate­lier.

LA FE­STA PER GUAR­DA­RE AL FU­TU­RO. Ri­co­no­sci­men­to ot­te­nu­to lo scor­so anno da Fran­ce­sco Bug­gea, che ha in­ve­sti­to la bor­sa di stu­dio in nuo­vi pro­get­ti, ri­go­ro­sa­men­te le­ga­ti al mon­do del­la moda. «Il tema del­la mo­stra del­l’an­no scor­so era “Aga­ta mar­ti­re co­rag­gio­sa” – rac­con­ta – ed è sta­to que­sto ti­to­lo a por­tar­mi a ef­fet­tua­re un so­pral­luo­go pro­prio dove la no­stra San­ta è cu­sto­di­ta, rin­chiu­sa e pro­tet­ta: den­tro le gra­te ba­roc­che al­l’in­ter­no del­la cat­te­dra­le di Ca­ta­nia». Un’in­tui­zio­ne che lo ha spin­to a rea­liz­za­re un lun­go tu­bi­no nero rin­chiu­so da una strut­tu­ra ispi­ra­ta alla gra­ta ba­roc­ca del­la cat­te­dra­le, com­ple­ta­ta da un lus­suo­so co­pri spal­le ispi­ra­to al si­mu­la­cro del­la San­ta in­te­ra­men­te ri­co­per­to da 800 bot­to­ni vin­ta­ge pre­va­len­te­men­te do­ra­ti.

«È sta­ta un’e­mo­zio­ne ina­spet­ta­ta e una gio­ia im­men­sa ri­ce­ve­re tut­ti que­gli ap­plau­si a Pa­laz­zo dei Chie­ri­ci», ag­giun­ge Fran­ce­sco, che ri­cor­da uno dei pri­mi re­ga­li di Na­ta­le chie­sto e ri­ce­vu­to: un bloc­co schiz­zi con­te­nen­te fi­gu­ri­ni da don­na, ma­ti­te co­lo­ra­te e co­lo­ri a tem­pe­ra. «Non ho an­co­ra un obiet­ti­vo ben pre­ci­so, ma spe­ro che qual­sia­si cosa la vita mi ri­ser­vi ab­bia a che fare con il so­gno che col­ti­vo fin da bam­bi­no e che po­treb­be por­tar­mi a Mi­la­no, una del­le mete più am­bi­te per gli aman­ti del­la moda. An­che se mi si strin­ge il cuo­re al pen­sie­ro di al­lon­ta­nar­mi da casa, dato il bel­lis­si­mo rap­por­to che ho con la mia fa­mi­glia, che mi ha sem­pre so­ste­nu­to e a cui devo ogni tra­guar­do rag­giun­to».

An­che la si­ra­cu­sa­na Ma­ria­pao­la Chil­le­mi, clas­se 1992, è sta­ta scel­ta nel 2017 per lo sta­ge alla Mai­son. Fi­glia di un ope­ra­io e di una sar­ta, da cui ha ere­di­ta­to l’a­mo­re per la moda ol­tre a quel­le per mu­si­cal, spet­ta­co­lo, tea­tro, pit­tu­ra, gio­iel­le­ria, Ma­ria­pao­la ama im­men­sa­men­te il suo la­vo­ro. «La mia vita sen­za l’ar­te non avreb­be sen­so – dice. Non mi im­pon­go mai gran­di obiet­ti­vi da rag­giun­ge­re o un solo so­gno da rea­liz­za­re: io vivo già den­tro il mio so­gno».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA