home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Evasione fiscale da 2,8 milioni, sequestrati beni a imprenditore di Mazara

state colpite le disponibilità liquide e i beni mobili e immobili dell'uomo, operante nel settore ittico, e della moglie

Evasione fiscale da 2,8 milioni, sequestrati beni a imprenditore di Mazara

MARSALA - La guardia di finanza di Mazara del Vallo, su delega della Procura di Marsala, ha eseguito nei giorni scorsi un sequestro preventivo nei confronti di un imprenditore, titolare di una società operante nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti della pesca, per avere sottratto all’erario imposte dirette ed Iva per circa 2,8 milioni di euro. Sono state colpite le disponibilità liquide e i beni mobili e immobili dell’imprenditore e della moglie, tra cui un grosso fabbricato, un’abitazione e una villetta nella località balneare di Tonnarella. La coppia dichiarava non più di 15 mila euro l’anno, a testa.

La società, ora in fallimento e solo apparentemente amministrata dalla moglie dell’imprenditore ma di fatto gestita unicamente dall’uomo, ha realizzato vendite a nero di prodotti della pesca per circa 15 milioni di euro negli anni dal 2014 al 2016 nel corso dei quali ha anche annotato fatture false emesse da altre due imprese «satelliti» di Mazara, anch’esse assoggettate ad ispezione fiscale da parte dei finanzieri.

Queste ultime, in particolare, si sono prestate a «gonfiare" le fatture di vendita di prodotti della pesca, indicando quantità di pescato non riportate e superiori a quelle riportate nel giornale elettronico di bordo dei motopescherecci impiegati nelle battute di pesca: i rispettivi titolari sono stati denunciati alla Procura per emissione di fatture per operazioni inesistenti.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa