Notizie Locali


SEZIONI
Catania 23°

infrastrutture

Sul Ponte passo falso del Governo? Il Mase chiede 239 integrazioni, Salvini: «Risposte in 30 giorni»

Le opposizioni all’attacco parlano di «farsa» e di «progetto inesistente». Imbarazzo del ministro Pichetto: «Normale approfondimento nella fase di avvio dell’iter»

Di Redazione |

l ministro Matteo Salvini lancia la Conferenza dei servizi sul Ponte sullo Stretto, per avviare entro l’estate i cantieri della sua opera-bandiera. Ma il primo sgambetto gli arriva proprio da un altro ministero, quello dell’Ambiente, guidato da Gilberto Pichetto Fratin, di Forza Italia.Alla prima riunione della Conferenza dei servizi, che riunisce tutti i soggetti interessati per sveltire le procedure (imprese, ministeri, enti locali), il Mase ha chiesto alla Società Stretto di Messina ben 239 integrazioni di documenti. Per il ministero, la documentazione presentata dalla concessionaria è superficiale, insufficiente e non aggiornata, e va approfondita su tutti i fronti. I tecnici della Commissione Via-Vas, quelli che devono fare la valutazione di impatto ambientale dell’opera, in 42 pagine di relazione hanno chiesto nuove informazioni praticamente su ogni aspetto del progetto.Le richieste di integrazione di documenti riguardano la compatibilità coi vincoli ambientali, la valutazione dei costi e benefici, la descrizione di tutti gli interventi previsti, il sistema di cantierizzazione, la gestione delle terre e rocce di scavo. Il Mase chiede dati più approfonditi e aggiornati sul rischio di maremoti, sull’inquinamento dell’aria, sull’impatto del Ponte sull’ambiente marino e di terra e sull’agricoltura, sulle acque, sui rischi di subsidenza e dissesto, sulla flora e sulla fauna, sul rumore e i campi magnetici, sulle aree protette di rilevanza europea Natura 2000.Non si è fatta attendere la replica del ministero delle Infrastrutture: «Le integrazioni al progetto del Ponte sullo Stretto, richieste in sede di Conferenza dei servizi, saranno fornite entro 30 giorni: si tratta della normale procedura ed è corretto approfondire tutti gli aspetti di un’opera che sarà unica al mondo».Intanto, però, le associazioni ambientaliste come Wwf e Legambiente e i comitati locali anti-Ponte parlano di «passo falso» e di «farsa», e ribadiscono che «il progetto non sta in piedi». Ma sono soprattutto le opposizioni a cavalcare la vicenda. Per Marco Simiani del Pd, «il ministero dell’Ambiente sconfessa clamorosamente Matteo Salvini, bloccando di fatto il progetto». Proprio il leader della Lega era assente alla Conferenza dei servizi, che si è tenuta al suo ministero delle Infrastrutture.«Dal ministero dell’Ambiente arriva un macigno sul progetto del Ponte sullo Stretto», commenta il leader Cinquestelle, Giuseppe Conte, che parla di «un progetto vecchio, risalente al 2011/2012, pieno di falle sul piano ingegneristico, ambientale, trasportistico e finanziario». Angelo Bonelli di Avs rincara la dose: «La commissione tecnica Via del ministero dell’Ambiente ha demolito il progetto definitivo sul Ponte. Ma esiste un progetto definitivo? O quello che avete presentato è quello di 15 anni fa, che era stato bocciato nel 2012 dal ministero dell’Ambiente?».Mentre il Codacons chiede l’intervento della Corte dei conti, l’amministratore delegato della Stretto di Messina, Pietro Ciucci, non si mostra preoccupato per le osservazioni del Mase: «Sono richieste congrue, data l’entità dell’opera. In 30 giorni daremo tutti i chiarimenti richiesti».Il ministro Gilberto Pichetto si trova all’improvviso in una posizione scomodissima, con gli uffici del suo ministero che bastonano un progetto che è il cavallo di battaglia di un suo collega. «Con queste istanze abbiamo dato via alla procedura di valutazione di impatto ambientale», commenta asettico. La richiesta di integrazioni «è atto tipico della prima parte di ogni procedimento di valutazione di impatto ambientale». Per il Ponte «si è tenuto conto, come di consueto, anche di elementi tratti dai contributi di Ispra e di soggetti non pubblici aventi diritto, per legge, ad esprimersi».«Le richieste della Commissione Via-Vas del Mase non rappresentano assolutamente una bocciatura del Ponte sullo Stretto, ma sono legittime integrazioni proporzionate ad un progetto enorme – ha commentato Matilde Siracusano, sottosegretario di Fi ai Rapporti con il Parlamento – . Ho sentito il ministro Pichetto e anche Pietro Ciucci, e non ci sono criticità».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA