Notizie locali
Pubblicità

Salute

Epatite sconosciute nei bambini, i casi rischiano di aumentare: ecco i segnali da attenzionare

Di Redazione

La nuova epatite acuta che contagia i bambini «è ancora in una fase iniziale e la rete pediatrica nazionale è ben strutturata, però sono allarmata perché i casi rischiano di aumentare». Lo dice in un’intervista a La Stampa Annamaria Staiano, professoressa ordinaria di Pediatria a Napoli e presidente della Società italiana di pediatria. 

Pubblicità

Due settimane fa è stata data la notizia al Congresso della Società europea di Gastroenterologia pediatrica «di un cluster di epatite virale acuta in Inghilterra non classificabile da A ad E. Una settimana fa la notizia è diventata di dominio pubblico e altre società scientifiche hanno iniziato la sorveglianza necessaria a identificare nuovi casi in tutto il mondo» spiega. L’epidemia «purtroppo sembra galoppante. Il 5 aprile i casi in Inghilterra erano 10, di cui uno con necessità di trapianto di fegato, e una settimana dopo 74. Si tratta di bambini tra 2 e 5 anni».

Si è accertato che non ci sono legami con il covid e si è notato invece che i bambini «sono infetti da un adenovirus, simile a quello del raffreddore, ma che in alcuni casi di immunodepressione può portare all’epatite».

Si presenta come un problema gastroenterologico, «con dolori addominali, diarrea, vomito e nessuna febbre» e si distingue dalle altre forme per la durata: «va oltre le due settimane. Nelle forme più gravi poi c'è l’ittero, ovvero la colorazione gialla della pelle e del bianco degli occhi. Conta molto infine l'esame delle transaminasi, gli enzimi prodotti dal fegato che segnalano un danno epatico». 

Nel caso in cui i sintomi durassero oltre una settimana, i genitori «dovrebbero far visitare il bambino dal pediatra.

Nel caso dell’ittero, invece, devono portarlo subito al pronto soccorso. È anche importante osservare il quadro generale, ovvero se oltre ai sintomi ci sia una marcata debolezza. L'evoluzione è rapida e progressiva e in alcuni casi si presenta la necessità del trapianto di fegato. Nelle situazioni più semplici bastano idratazione e antivirali». Per ora in Italia i casi «sono pochi, ma bisogna tenere alta la guardia». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA