Notizie locali
Pubblicità

Salute

Chirurgia robotica, primo intervento compie 20 anni: anniversario celebrato a Catania

Una tecnica considerata vantaggiosa dall’80% degli operatori e allo stesso tempo il 95% dei pazienti si ritiene soddisfatto

Di Redazione

Venti anni fa in Italia fu eseguita la prima operazione di chirurgia robotica e proprio dalle nuove tecnologie e dall’innovazione parte il percorso di ripresa della chirurgia post Covid. Si tratta di un anniversario speciale celebrato durante il Congresso della Società italiana di chirurgia in corso a Catania. 

Pubblicità

 La chirurgia robotica oggi in Italia è una realtà clinica consolidata: a dimostrarlo più di 23mila interventi eseguiti nel 2019, con prevalenza per l’urologia, seguita da chirurgia generale, ginecologia, chirurgia toracica, otorinolaringoiatria. 

 Dopo lo stop alle attività ospedaliere imposto dalla pandemia è fondamentale «riprendere la corsa in tutti i settori, da quelli più istituzionali a quelli specifici, come nel caso della chirurgia», spiega Francesco Basile, presidente della Sic. 

Le tecnologie avanzate e la robotica in particolare permettono di migliorare la qualità degli interventi, aumentare i benefici per i pazienti e di superare alcuni limiti in campo chirurgico.

«I robot chirurgici permettono l’ingrandimento delle immagini, una maggiore rotazione del braccio robotico, nettamente superiore a quella della mano umana, fornendo al chirurgo la possibilità di intervenire con maggiore precisione», prosegue Basile.

Secondo una ricerca pubblicata da Updates in Surgery, la rivista scientifica della Sic, la robotica è considerata vantaggiosa dall’80% degli operatori e allo stesso tempo il 95% dei pazienti si ritiene soddisfatto. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA