Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Tilda Swinton, sono una 'eterna figlia'

Attrice si sdoppia per mistery drama di Joanna Hogg in concorso

Di Redazione

VENEZIA, 06 SET - Tilda Swinton, una e doppia: l'attrice camaleontica, capace di trasformarsi nei suoi personaggi anche fisicamente, immedesimandosi come sa fare lei, questa volta si fa in due, una madre e una figlia e i riferimenti autobiografici aggiungono ulteriore verità. E' lei la protagonista di THE ETERNAL DAUGHTER di Joanna Hogg, in concorso a Venezia 79, un mystery drama ambientato in una grande residenza inglese che sembra il set di Downton Abbey o la residenza di Thomas Shelby di Peaky Blinders. Fantasmi, strane presenze, un'atmosfera sospesa e inquietante per la protagonista, una regista alle prese con la scrittura del nuovo film, un ritratto della madre morta da poco. "Un film terapeutico", ha detto l'attrice inglese, i capelli dipinti di giallo ("Fiera di rappresentare metà della bandiera ucraina"), parlando di se stessa e della regista, entrambe orfane della madre. 61 anni, londinese, Coppa Volpi nel '92 per Edoardo II di Derek Jarman, uno dei tanti film che li hanno visti insieme, Oscar non protagonista per Michael Clayton di Tony Gilroy, parla del nuovo film inquietante e semi-autobiografico. Cosa ci ha trovato? "Io cerco sempre le stesse cose, l'amicizia, la comunanza, è il modo in cui ho cominciato a lavorare fin dall'inizio, con Jarman con cui in 9 anni abbiamo fatto 7 film, con Luca Guadagnino, e anche con Joanna. Sono consapevole che per me la molla è lavorare con le persone che si amano, poi ci sono i nuovi incontri come per Memoria di Apichatpong Weerasethakul. Sono di nuovo pronta, ho avuto dei figli, sapevo di non voler viaggiare, allontanarmi da loro ora che sono grandi sono pronta ad immergermi in nuove avventure". "Uno dei principali motori del dolore è la sensazione di dover rinunciare a quella relazione. E poi ti rendi conto, se sei fortunato, che la puoi continuare", ha detto Swinton del suo personaggio di figlia. Con Hogg avevano fatto insieme anche "The Souvenir", basato sui suoi anni da giovane con un fidanzato tossicodipendente. "Tutti i miei film sono personali ma questo, lo ammetto, più di altri". Ha perso sua madre nel 2012, mentre alla Hogg è capitato durante le riprese, "c'è stata una elaborazione del lutto, il coraggio di liberarsi, lasciare andare".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA