Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Black Eyed Peas "accendono" Catania, da mezza Europa a Villa Bellini per vedere il mito dell'hip hop

Di Simone Russo
Pubblicità

Fiamme libere, Co2, coriandoli e tanti effetti speciali per uno show incredibile. La villa Bellini di Catania ha ospitato l'unica tappa italiana del tour mondiale dei Black Eyed Peas. L'evento, promosso da Vivo Concerti ed organizzato da Giuseppe Rapisarda Management all'interno del Wave Summer Music 2022, ha portato la città di Catania al “centro del mondo”.

Migliaia di turisti stranieri hanno voluto partecipare ad una serata musicale che resterà nella storia dei grandi eventi mondiali. Fan che hanno letteralmente degustato il concerto e condiviso foto e video con il mondo dei social. Catania e la villa Bellini sono diventate trend topic sul web. L’iconico gruppo musicale alternative della scena hip hop statunitense con 6 Grammy Awards vinti e 35 milioni di album venduti, ha portato sul palco tutti i loro più grandi successi. Con “Started” hanno iniziato la loro serata catanese. Da quel momento in poi, un continuo mix di grande musica da cantare e da ballare. Da “Ritmo” a “Mamacita”, passando per “Don't Sop the Party” a “Pump It”. Il brano “I've Gotta Feeling” ha chiuso una scaletta fatta di grandi successi.

La villa Bellini, fin dal pomeriggio, è stata “conquistata” da tanti fan stranieri. Tramite le piattaforme di vendita, infatti, è emerso che erano presenti anche dei fan dalla Spagna, da Malta, dalla Francia, dalla Grecia ed anche dagli Stati Uniti d'America. Un' appuntamento imperdibile per gli appassionati della buona musica. «Io e mia moglie siamo venuti appositamente a Catania per assistere a questo concerto – dice Alex Williams, direttamente dagli Usa – i Black Eyed Peas sono un pezzo della nostra storia musicale. Appena abbiamo saputo della data italiana abbiamo subito comprato i biglietti, con questa scusa ne abbiamo approfittato per visitare il vostro paese. Resteremo in Sicilia fino alla notte di Ferragosto». «Io e la mia ragazza abbiamo fatto una pazzia – dice Paul Galea, residente a Malta – in 24 ore siamo arrivati qui, abbiamo assistito al concerto e tra pochissimo ritorneremo a casa. Però ne è valsa la pena, né è valsa assolutamente la pena>>. << Da tre anni, per lavoro, mi sono trasferito a Catania – dice Noah Williams, cittadino americano – stasera dovevo esserci. Dovevo essere presente a questo mega evento. Ho approfittato del concerto dei Black Eyed Peas per acquistare il biglietto anche per mio fratello. Con questa scusa, lui è venuto a trovarmi e gli sto facendo da cicerone per le strade del vostro bellissimo paese». Presente anche un pubblico italiano, proveniente da tutto il nostro “bel paese”. «Arriviamo da Milano – dice Federica Manni – la nostra città si è fatta sfuggire un mega evento come questa sera. Catania è proprio la Milano del sud. Una città bellissima. Insieme ad una mia amica, appena è uscita la data catanese dei BEP, abbiamo immediatamente acquistato i biglietti, sia del concerto che dell'aereo. Stasera è stato letteralmente “wauuuu”, adesso resteremo un po' in Sicilia per godere di sole, di mare e di cibo». «Una cosa fantastica – dice Luca Carani, noto conduttore radiofonico catanese – dobbiamo ritenerci fortunati che abbiamo avuto questa esclusiva nazionale a Catania. L'unica data italiana nella nostra città. Il concerto tecnicamente è stato molto bello. Un palco maestoso. Tra l'altro una ottima organizzazione, tutto curato in ogni minimo dettaglio. La villa Bellini ha accolto benissimo questo grande evento. Bella musica e, soprattutto, c'era una platea di giovani ben educati. Questi eventi a Catania si possono fare e c'è la maturità di chi accoglie questi eventi con rispetto. Filo conduttore è stato il divertimento e la voglia di ballare tutti insieme. Ho apprezzato un concerto di altissimo livello».

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti:
Pubblicità