Notizie Locali


SEZIONI
Catania 21°

l'impresa

Giusi Parolino domina ancora nel giavellotto over35: per lei il 15° titolo italiano

Ad Acireale i Tricolori: 1600 gli atleti in gara in 12 discipline maschili e femminili

Di Redazione |

Giusi Parolino, atleta agrigentina della ASD Milone Siracusa ha conquistato la medaglia d’oro ai campionati italiani individuali estivi 2023. Si tratta per lei del quindicesimo titolo italiano di lancio del giavellotto. La prova si è disputata nei giorni scorsi ad Acireale nell’ambito della 43esima edizione dei Campionati Italiani Individuali over 35 maschili e femminili. La manifestazione è stata ospitata nella nuovissima pista di atletica leggera dello Stadio Aci e Galatea ed è stata organizzata e promossa dalla ASD Goal And Brain sotto l’egida della Fidal Nazionale (con la collaborazione del Comune di Acireale e dai Comuni di Aci Castello, Aci Catena, Aci Sant’Antonio e diverse ASD sportive del territorio) e sotto la responsabilità organizzativa di Gianfranco Belluomo. Presenti alla manifestazione anche il consigliere federale Fidal Gianfranco Lucchi e il presidente Fidal Sicilia Totò Gebbia.

In campo circa 1800 atleti gara in 12 categorie maschili e 12 femminili. Tra i campioni Italiani 2023, la conferma di Giusi Parolino, che con m. 28,80 (f55), ha conquistato l’oro nel lancio del giavellotto femminile. Unico intoppo un infelice programma tecnico che ha creato diverse tensioni: gli atleti dei concorsi relativi al salto in alto femminile, al lancio del giavellotto femminile e al lancio del martello maschile, si sono ritrovati sabato mattina alla stessa ora e nella stessa area del campo a gareggiare a pochi metri gli uni dagli altri.

«Gareggiare in Sicilia è sempre un’emozione forte – ha detto Giusi Parolino – mi ha fatto molto piacere rivedere tanti amici atleti e trascorrere con loro delle belle giornate di sano sport; in merito alla gara avrei potuto fare sicuramente più metri,ma mi è mancata la serenità e la concentrazione; non è stato facile gareggiare avendo accanto da una parte le atlete del salto in alto femminile, a pochi metri i lanciatori di martello; comunque -conclude la giavellottista – l’importante è portare a casa una bella medaglia d’oro e un altro titolo italiano che condivido con mio coach Emanuele Serafin che ringrazio per il tempo che mi dedica e per i “miracoli” che fa per allenarmi a distanza. Complimenti sopratutto ai giudici Giuseppe Locandro e Simona Tagliarini che nonostante le enormi difficoltà hanno gestito le gare di sabato mattina con grande professionalità e disponibilità nei confronti degli atleti in gara».COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti:

Articoli correlati