Notizie locali
Pubblicità

Sport

Al Khelaifi 'Superlega non esiste, Champions piu' aperta'

Presidente Psg: problema sono club che lasciano debiti

Di Redazione

ROMA, 05 SET - "La SuperLega, semplicemente, non esiste". Nasser Al-Khelaifi, presidente esecutivo del Paris Saint-Germain e n.1 dell'Eca, l'associazione europea dei club, in videoconferenza sul forum Football Talks ha sottolineato ancora una volta la sua ferma contrarietà alla creazione di una Lega delle Leghe. "I miei colleghi ed io siamo sempre stati contro la SuperLega per tutelare le medie e piccole società. Non dimentico da dove veniamo nel 2011, e difendiamo l'idea che tutti possano sognare di giocare in Champions e che i club di media o piccola oggi possono diventare grandi club in futuro". Al Khelaifi ha parlato anche della nuova Champions, la cui formula scattera' dal 2024: "Con 40 squadre, ci sono più posti per i club medi. La scorsa stagione sono stati importanti i successi dell'Eintracht Frankfurt in Europa League e della Roma in Conference League". E il riscontro, ha poi aggiunto, sarebbe gia' arrivato dalla vendita dei diritti tv: "Sotto quel punto di vista, la nuova formula e' gia' un successo: la vendita negli Stati Uniti e' aumentata del 150%, Francia e Inghilterra sono mercati in crescita". Il presidente del Psg ha anche parlato del forte investimento di Qatar Sports Investment sul club parigino: "La nuova era moderna del calcio deve essere così: il calcio sopravvive grazie agli investitori. Ci sono club con grossi debiti e questo è il grande rischio: quelli che lasciano i debiti e lasciano i club perché altri risolvano il problema. I debiti sono il pericolo più grande, dovremmo avere regole che proteggano i club da un possibile disastro. Club che hanno 1,8 miliardi di debiti - ha concluso riferendosi al Barcellona - sono casi preoccupanti, non sani".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA