Notizie locali
Pubblicità

Sport

Le figurine finiscono all'asta, c'è anche Pizzaballa

Fra i lotti anche le iconiche immagini di Paolo Rossi e Senna

Di Redazione

ROMA, 21 APR - Negli anni hanno alimentato la filastrocca del "ce l'ho, ce l'ho, mi manca...", e colorato le giornate dei bambini di tutto il mondo, adesso finiscono all'asta: le figurine più rare e affascinanti verranno battute sul sito di Aste Bolaffi che, il 12 maggio, presenterà un catalogo con oltre 224 lotti: basterà collegarsi al sito www.astebolaffi.it e presentare un'offerta. Oltre il 70% del catalogo è formato da figurine Panini, cui si aggiungono card stampate da altre case editrici italiane, quasi tutte nel tempo scomparse, tra cui Lampo, Imperia, Nannina ed Edis. Nel capitolo calcio sono rappresentate tutte le fasi salienti della carriera di Roberto Baggio, tra cui la 'mitica' Baggio-Monelli del 1985. Non solo una figurina nel suo anno da rookie, ma la quasi introvabile versione 'errore' doppia non tagliata in cui lo sbaglio clamoroso di Edis, ossia l'inversione dei nomi dei calciatori (con l'inconsapevole collega attaccante Paolo Monelli), è in bella vista (lotto 95, base 1.000 euro). Le fanno compagnia molte altre figurine, tra cui quelle di Paolo Rossi, Maldini, Vieri, Inzaghi, Totti. Tra i lotti di Maradona, si segnala l'esemplare in cui indossa la maglia dell'Argentinos Juniors 1979 (base 500 euro); tra quelli di Pelè la sua apparizione nella figurina di Messico '70 si parte da 200 euro). Figurine entrate nella storia di Panini sono la prima mai stampata, la Bruno Bolchi dell'album dei calciatori 1961/62 (da 75 euro) e la mitica Pizzaballa: l'introvabile portiere dell'Atalanta della raccolta 1963/64, chimera delle mancoliste Panini per eccellenza (lotto 56, base 200 euro). Tra i top lot degli altri sport si segnalano la figurina dell'anno da rookie di Ayrton Senna sulla Toleman 1984, molto rara, anche poiché unica figurina Panini serigrafata su carta plastificata trasparente (lotto 193, base 1.500 euro), quella da esordiente di Gino Bartali del 1935 in eccellente stato di conservazione (lotto 180, base 500 euro) e quella di Cassius Clay del 1966, (lotto 170, base 300 euro).

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA