Notizie locali
Pubblicità

Sport

Lewandowski o Messi? Il Pallone d'Oro aspetta il suo re

Stasera a Parigi la cerimonia di consegna del riconoscimento. Cinque italiani in lizza ma con poche possibiiltà

Di Redazione

Robert Lewandowski, Karim Benzema o gli eterni Cristiano Ronaldo e Lionel Messi? E’ lunga la lista dei pretendenti al Pallone d’Oro 2021 stilata da France Football, che torna dopo un anno di assenza causa pandemia e sarà assegnato stasera a Parigi, nel Théâtre du Châtelet. Cinque gli azzurri in lizza grazie alla vittoria dell’Europeo (Barella, Bonucci, Chiellini, Donnarumma e Jorginho) ma con scarse chance. 

Pubblicità

Tra le donne, la campionessa europea del Barcellona Alexia Putellas è la favorita secondo Ada Hegerberg, primo Pallone d’Oro femminile della storia nel 2018. Dovrà battere la concorrenza delle campionesse olimpiche canadesi e delle giocatrici del Chelsea, sfortunate sue avversarie nella finale di Champions League. 

Le voci della vigilia da settimane danno favorito Robert Lewandowski, attaccante della nazionale polacca e del Bayern Monaco, che l’anno scorso era dato per vincitore certo. Ma Messi e CR7 non vanno mai sottovalutati. L’argentino e il portoghese dal 2008 si sono spartiti il prestigioso premio, lasciando solo quello del 2018 al croato Luka Modric. Messi, 34 anni, non ha avuto un grande anno con il Barcellona (solo una Coppa de Re) e ha iniziato in sordina con il Paris SG, ma poi ha guidato l'Argentina al primo trofeo sotto il suo regno, la Coppa America, strappata al Brasile. 

Lewandowski meriterebbe senz'altro il voto dalla maggioranza dei 180 giurati, un giornalista per nazione, urne chiuse il 24 ottobre. Se il Pallone d’Oro corona la classe e la personalità di un giocatore, contano pure i numeri nell’arco dell’anno. "Lewy" nel 2020 aveva vinto la Champions con il Bayern. Ma a causa del Covid il trofeo non fu assegnato. Il polacco però ha continuato a segnare valanghe di gol (nella Bundesliga in corso è già a quota 14 dopo 13 turni). «Tutti hanno visto quello che ho fatto e che continuo a fare», ha detto lui a Marca, ricordando di aver battuto il record di Gerd Müller con 41 reti nel campionato 2020-2021. 

Anche Benzema ha classe e personalità per aspirare all’oscar del calcio, pur non avendo vinto né Liga né Champions con il Real Madrid ed essendo uscito agli ottavi con la Francia all’Europeo. Poi c'è la recente condanna a un anno di carcere - con sospensione della pena - nel caso 'sextapè, sentenza emessa a votazione chiusa. Ma, a 33 anni, il centravanti francese è al top ed ha guidato i Blues alla vittoria nella Nations League con due gol da antologia contro il Belgio (3-2) e Spagna (2-1). 

 Dietro questo terzetto di favoriti, non bisogna sottovalutare l'aura di Cristiano Ronaldo, tornato la scorsa estate al Manchester United. Il suo Portogallo non si è però qualificato direttamente al Mondiale 2022 e l’unico trofeo dell’anno è la Coppa Italia vinta con la Juventus. 

Tra i favoriti era partito Jorginho, che nel 2021 ha vinto tutto, dall’Europeo in azzurro alla Champions con il Chelsea. Ma le quotazioni del centrocampista di origine brasiliano hanno perso slancio, anche perché il Pallone d’Oro incorona quasi sempre attaccanti. Stesso motivo che frena le ambizioni di Gigi Donnarumma, oltretutto spesso relegato in panchina al PSG, nonostante il riconoscimento come miglior giocatore della rassegna continentale. 

 La competizione è ancora più accesa tra le ragazze. Per la norvegese Ada Hegerberg (Lione), il capitano del Barcellona Putellas «ha ottime possibilità di vincere», soprattutto grazie al successo in Champions League contro il Chelsea (4-0). Ma nelle file degli sconfitti «Blues» ci sono nomi pesanti: Sam Kerr, capitano dell’Australia, l’inglese Fran Kirby, la danese Pernille Harder o la canadese Jessie Fleming, campionessa olimpica a Tokyo. La cilena Christiane Endler, passata dal PSG al Lione, può sognare di succedere all’icona americana Megan Rapinoe, Pallone d’Oro nel 2019, e diventare il primo portiere a vincere il trofeo. 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: