Notizie locali

Archivio

Migranti: L'allarme del Procuratore Agrigento, 'flussi tunisini creano problemi ordine pubblico' (2)

Di Redazione

(Adnkronos) - La Squadra Mobile di Agrigento, inoltre, "ha proseguito in modo efficace e costante la sua attività di identificazione ed arresto di cittadini stranieri ospiti nei centri di accoglienza della provincia aventi precedenti provvedimenti di espulsione o allontanamento", prosegue Luigi Patronaggio. "Il fenomeno della immigrazione clandestina di queste ultime settimane ha riguardato quasi esclusivamente cittadini tunisini che con grossi barconi da pesca hanno di fatto "accompagnato", in modo affidabile e sicuro, loro connazionali a Lampedusa o addirittura fino sulle coste agrigentine", spiega il Procuratore parlando degli ultimi sbarchi a Lampedusa che proseguono senza sosta. Su uno degli ultimi gommoni arrivati c'era persino un barboncino bianco tenuto al guinzaglio da una signora con il cappello a falde larghe di paglia.

Pubblicità

"Talvolta sui barconi tunisini sono stati imbarcati anche subsahariani o bengalesi", dice ancora Patronaggio. Ma la rotta tunisina "ha delle peculiarità" che la "differenziano da quella libica", allo stato "in frenata dalla cosiddetta Guardia costiera libica, in quanto è utilizzata da cittadini tunisini che non fuggono da situazioni di persecuzione politica o razziale ma che cercano in Italia solamente migliori condizioni di vita e di lavoro".

Il magistrato ricorda che è "un tipo di immigrazione che probabilmente potrebbe essere arginata o regolamentata con successo da accordi politici internazionali bilaterali ovvero multilaterali con Tunisi". "Si ritiene, infatti, sulla scorta delle conoscenze processuali acquisite, che non è complesso identificare gli organizzatori di questi traffici e le loro basi logistiche e predisporre conseguentemente efficaci servizi di prevenzione e controllo".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: