Notizie locali

Catania

Folla commossa per l'ultimo saluto della “sua” Catania al commendatore Luigi Maina

Di Redazione
Pubblicità

CATANIA - Un folla commossa e silenziosa ha dato l'estremo saluto stamattina al commendatore Luigi Maina. Autorità civili e militari - ma soprattutto semplici cittadini - che hanno ricordato lo storico cerimoniere del Comune per tutto quello che lui ha saputo dare alla città. Insegnamenti di vita e di spiritualità accanto alla sua Agata: per più di sessant’anni è stato  alla guida delle celebrazioni.

Le lacrime che solcano i visi di tanti, ancora increduli nel rendergli omaggio già dal breve percorso che porta la salma dalla camera ardente, allestita all'interno di Palazzo degli Elefanti, fino alla Cattedrale di Catania dove si sono celebrati i funerali. Il silenzio rotto solo da lunghi applausi.

Visibilmente commosso anche l’arcivescovo metropolita Salvatore Gristina.

«Tutta la città si stringe intorno al suo ricordo - afferma il presidente del comitato per la Festa di Sant'Agata Riccardo Tomasello - è un momento di grande commozione per un uomo che ha saputo dare tanto a questa città. Una persona unica e amata in modo intenso perchè ogni giorno della sua vita ha saputo onorare la memoria della nostra Agata. Una missione fatta con una grande attenzione verso le tradizioni e il rispetto del prossimo. I sui insegnamenti e suoi consigli - continua Tomasello - non verranno mai dimenticati e serviranno per costruire il presente e guidarci nel futuro».

Per approfondire leggi anche: IL COMMENDATORE E L'ULTIMO GIRO TRA LE CANDELORE

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità