home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Nicolini: «Non abbiamo paura della retorica di Salvini. Venga pure, è il benvenuto»

Il sindaco di Lampedusa si prepara, ironicamente, ad accogliere il segretario della Lega

Nicolini: «Non abbiamo paura della retorica di Salvini. Venga pure, è il benvenuto»

Giusy Nicolini, Matteo Salvini

ROMA -  «La mia comunità non ha avuto paura nel 2011 quando, con al governo il ministro Maroni, l’isola diventò un carcere a cielo aperto: oltre 7 mila tunisini lasciati qui, per terra, come cani randagi. E ora dovremmo avere paura della retorica di Salvini? Venga pure, è il benvenuto». Così la sindaca di Lampedusa, Giusi Nicolini, intervistata da La Stampa sull'annuncio del segretario della Lega, che domani sarà sull'isola: «Non so se vorrà vedermi, io domani sarò qua», dice.


«Troverà un’isola dignitosa, pronta ad accoglierlo», afferma Nicolini, che prende le distanza con quanto avvenuto a Napoli: "La libertà di movimento è un principio costituzionale. Come pure la libertà di manifestare e protestare nei limiti della legalità, non lanciando pietre...». «Non credo - dice - ci saranno problemi di ordine pubblico. Ma mi ricordo ancora le scritte "Assasini, vergogna", contro il presidente della Commissione europea Barroso e il ministro Alfano nel 2013, poco dopo la grande strage dei migranti».


Nicolini spiega che Lampedusa ospita «in questi giorni una media di 500 persone al giorno. L’isola non è "invasa", ci sono turisti, e anche nei momenti di maggiore pressione ha saputo reagire alla grande: altro che fallimento, Lampedusa dovrebbe essere un modello europeo. Anzi, Salvini avrebbe dovuto venire prima per rendersi conto dell’umanità dei lampedusani».

«Domani sarò a Lampedusa, lontano dall’ipocrisia e dalle passerelle romane - dichiarata intanto Salvini - per presentare le nostre idee sull'Europa, per incontrare pescatori, imprenditori, forze dell’ordine e tutti quelli che vorranno parlare con me. Penso a una giornata di pace, di discussione e di confronto e con questo spirito vedrò con piacere anche il sindaco Giusi Nicolini».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • Elios

    24 Marzo 2017 - 16:04

    attorno il 1100, a Milano vi era la lega milanese! ma volendo imperare su tutta la Regione lombarda, impose/convinse di combattere assieme il nemico comune: Federico I di Svevia! negli anni 1980, Bossi, raccoglie i "cavalli" di razza del nord Italia per chiedere la successione! successivamente agiva anche la volontà di dividere l'Italia in tre parti! in Torino dove vivo vi sono parecchi meridionali che traditi dagli usurpatori dei loro paesi e parenti sono tra i manovali della lega nord! tra gli usurpati vi sono pure io! ma non sono affatto leghista, anzi sono fortemente nemico storico! ieri da lega milanese si era appropriata delle province lombarde! oggi, da lega lombarda/nord vuole prendersi l'Italia! a Lampedusa, vi era già una leghista storica! in questi giorni a Napoli, alcuni avevano voluto fermare questo agire di Salvini! ma Demagistris è stato fortemente pietoso, specie l'intervista, così Salvini se la rideva!

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO