Notizie Locali


SEZIONI
°

La tragedia

Ribera, incendio all’ospedale Parlapiano: morto un paziente, altri dodici evacuati

Il rogo nel reparto di medicina. Sul posto i vigili del fuoco, carabinieri e polizia

Di Redazione |

I vigili del fuoco hanno trovato un cadavere in una delle stanze del reparto di Medicina dell’ospedale Parlapiano di Ribera, dove in serata è divampato un incendio. Si tratta di un paziente romeno, Costica Brustureanu di 53 anni, residente a Canicattì, rimasto intrappolato nella sala. Il comando provinciale dei pompieri di Agrigento ha inviato anche un mezzo che farà da unità di crisi locale. Sono intervenuti i pompieri del distaccamento di Sciacca e stanno arrivando altre squadre da Santa Margherita di Belìce e da Agrigento. Al lavoro anche i carabinieri e la polizia. Il rogo si è sviluppato tra il reparto di Medicona e l’area dell’eliporto.

L’allarme è stato raccolto dalla sala operativa del numero unico d’emergenza ed è stato segnalato che s’intravede fuoco attraverso una finestra e fumo fra i reparti. Il rogo si è sviluppato tra il reparto di Medicona e l’area dell’eliporto. Ci sono dodici pazienti evacuati.

L’incendio sarebbe stato generato dall’accensione di una sigaretta da parte del paziente trovato morto che, durante una seduta di ossigenoterapia alla quale era sottoposto, avrebbe tolto la mascherina, accendendo la sigaretta e provocando l’esplosione della macchina che erogava l’ossigeno. Gli altri ricoverati nel reparto sono stati evacuati e trasferiti nelle sale del pronto soccorso.

Ala dell’ospedale inagibile

Un’ala dell’ospedale Fratelli Parlapiano di Ribera è stata dichiarata inagibile. I pompieri sono riusciti a domare le fiamme nel reparto di Medicina dove c’erano cinque pazienti ricoverati. Quattro sono stati già trasferiti in un’altra ala della struttura sanitaria. Il cadavere del quinto paziente, il romeno di 53 anni residente a Canicattì e ricoverato nella tarda mattinata di ieri a Ribera, è invece di fase di trasferimento nella camera mortuaria. Non ci sono altri feriti, né intossicati. A coordinare le operazioni di soccorso è stata la sala operativa della questura di Agrigento, coordinata dal vice questore Francesco Sammartino. A Ribera è presente anche il dirigente del commissariato di Sciacca, il vice questore Cesare Castelli.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: