Notizie locali
Pubblicità

Catania

Catania: chiede soldi a un ristoratore per ridargli i telefonini rubati, ma allo scambio trova i carabinieri

L'uomo aveva concordato con la vittima un appuntamento in piazza Alcalà 

Di Redazione

Tenta l'estorsione con il cosiddetto "cavallo di ritorno" chidendo soli a un ristoratore per restituirgli i telefonini rubati, ma allo scambio trova i carabinieri che lo arrestano. E' quello che è successo a un marocchino di 26 anni che i Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale hanno arrestato in flagranza di reato, con l'accusa di tentata estorsione e ricettazione.

Pubblicità

Tutto è nato dalla denuncia di un 31enne catanese, titolare di un ristorante nel centro cittadino nei pressi della Villa Bellini, che ha chiesto aiuto ai militari dopo essere stato vittima d’estorsione. In particolare l’esercente, intorno all’una di notte, si era accorto che da un ripiano del bancone del suo ristorante erano spariti ben tre telefoni cellulari con i quali egli gestiva i rapporti con la clientela. L'uomo, grazie anche all’intervento dei suoi dipendenti, che con i loro cellulari avevano tentato di effettuare una chiamata sulle utenze di quelli rubati, è poi riuscito a mettersi in contatto con un ignoto interlocutore che gli ha chiesto 40 euro per la restituzione dell'0uni cellulare di cui era in possesso e altri soldi per reperire anche gli altri due. 

Estortore e vittima a quel punto pattuito di vedersi in piazza Alcalà per lo scambio e come detto qui è il malvivente è stato arrestato. L’uomo è stato poi tradotto presso il carcere catanese di Piazza Lanza in attesa delle determinazioni dell’autorità giudiziaria.

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA