Notizie locali
Pubblicità

Economia

Caro bollette, ristoratore di Taormina chiude la pizzeria: «Le sanzioni alla Russia si stanno ritorcendo»

Aveva da poco cambiato il forno a legno con quello a gas per la nortmativa vigente, ma i costi sono eccessivi

Di Redazione

«Bolletta del gas troppo cara, siamo costretti a chiudere la pizzeria del nostro ristorante». Lo dice, Carmelo Pintaudi, presidente dell’Associazione imprenditori per Taormina. 

Pubblicità

«La bolletta del gas - aggiunge - era di mille euro al mese. Adesso è di 2.500 e non sappiamo cosa ci riserva il futuro. Preciso che la maggior parte dei costi arriva, appunto, dal forno. Per questo motivo abbiamo deciso di chiuderlo dopo che la normativa vigente ci ha chiesto di trasformarlo da forno a legna, appunto, a gas. Adesso, peró, i costi non sono piú sostenibili. Credo che abbiamo applicato delle sanzioni che si stanno ritorcendo contro di noi». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA