Notizie locali
Pubblicità

Economia

Energia: da Horizon 385 milioni alle imprese italiane

Italia terza nei finanziamenti dopo Spagna e Germania

Di Redazione

ROMA, 12 APR - L'Italia ha partecipato con un buon successo di finanziamento ai bandi energia del Programma quadro dell'UE per la ricerca e l'innovazione "Horizon 2020" ottenendo il riconoscimento di oltre 385 milioni di euro per le imprese italiane. L'Italia quindi è partner o coordinatore, in oltre 6.000 progetti, con finanziamenti ottenuti su 958 proposte, con un tasso di successo pari al 16%. Rispetto agli altri Paesi è terza per numero di proposte finanziate, dopo la Spagna e la Germania. Sono questi alcuni dei dati contenuti nello studio "L'impatto della partecipazione al programma Horizon 2020 sulle imprese italiane: un'analisi per il settore energia", realizzato dal Gestore dei Servizi Energetici (Gse), dall'Istituto per la Competitività (I-Com) e dall'Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea (Apre). Se si guarda al dettaglio dei 958 progetti dell'Italia, emerge che le aziende private sono i soggetti più presenti nelle proposte finanziate (il 45% rispetto al totale). Questo conferma la propensione dell'industria italiana a partecipare al programma quadro di finanziamento per la ricerca e l'innovazione. Seguono centri di ricerca e università, che nel complesso rappresentano il 35% dei soggetti finanziati rispetto al totale. Il restante 12% è costituito prevalentemente da soggetti no-profit o di altra natura. Guardando ai bandi del settore energetico pubblicati nei sette anni del programma "Horizon 2020", risulta che il 57% delle proposte finanziate, quindi 549 progetti, ricadono nell'area relativa all'attività di ricerca, sviluppo e dimostrazione su scala reale di fonti energetiche rinnovabili e tecnologie innovative per la cattura e lo stoccaggio dell'anidride carbonica a costi inferiori e sicure per l'ambiente (Low Carbon Energy).

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: