Notizie locali
Pubblicità

Economia

Tabacco:contrabbando -38%,rischi da prezzi e crisi energia

Report Intellegit-BAT,in 2021 lieve ripresa consumo illeciti

Di Redazione

ROMA, 11 LUG - Cala il contrabbando di sigarette tradizionali in Italia: il fenomeno è in diminuzione del 38% rispetto al 2020. Ma inflazione, crisi energetica, aumento dei prezzi e conflitto in Ucraina rappresentano un rischio. I dati emergono dal Report sul contrabbando in Italia realizzato da Intellegit con il contributo di BAT Italia. Il nostro paese si colloca 27esimo su 30 nella classifica europea sull'incidenza del consumo illecito, con una quota del 2,2% contro 29% e 24% di Francia e Grecia. Benché in media il consumo di prodotti illeciti sia diminuito (3%, la metà del 2016), nella seconda parte del 2021 c'è stata una lieve crescita, che potrebbe indicare una ripresa del mercato illecito. A contribuire anche i prezzi delle sigarette. Nel 2021 in Italia il costo medio è di poco più di 5 euro, 16 centesimi in più rispetto al 2020. In crescita, soprattutto online e su siti stranieri, il traffico illecito dei prodotti di nuova generazione (così come il consumo): stick THP e cartucce di eLiquids. A livello geografico, il consumo sigarette di contrabbando è esteso a diverse aree del Paese. Udine (33,8%) e Trieste (21,5%) sono ai primi posti per la maggiore incidenza di prodotti provenienti dall'estero, e cresce il contrabbando dall'Est Europa e dai Balcani, da cui originano il 33% dei flussi. Oltre la metà dei tabacchi sequestrati sono illicit whites, prodotti lecitamente in Paesi extra UE. Il maggior numero dei sequestri è in Campania, ma anche nelle aree portuali di Friuli e Liguria e in Lombardia. Quest'anno nel report anche la prima indagine sulla percezione dei tabaccai. Emerge una "presenza capillare del mercato illecito", nonché un danno ai ricavi di circa il 13,7% sulle sigarette tradizionali e del 12,8% sui prodotti di nuova generazione. Circa un terzo dei tabaccai teme una crescita del fenomeno, la maggior parte vede come efficaci campagne di sensibilizzazione.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: