Notizie Locali


SEZIONI
°

agenzia

Bruciato vivo in auto, confermato l’ergastolo per l’omicida

Definitiva la sentenza per il cagliaritano Niveo Batzella

Di Redazione |

CAGLIARI, 27 OTT – La Cassazione ha confermato l’ergastolo nei confronti di Niveo Batzella, cagliaritano di 67 anni, accusato dell’omicidio di Sergio Tronci, l’operaio della Vesuvius Italia di Assemini picchiato a sangue, legato col fil di ferro e bruciato vivo nel bagagliaio della sua auto nelle campagne di Ortacesus, in provincia di Cagliari, nel 2004. L’uomo viene anche interdetto dai pubblici uffici e perde la potestà genitoriale. I giudici della Corte Suprema hanno dichiarato inammissibile il ricorso dell’avvocato difensore dell’imputato, Riccardo Floris, confermando la massima pena inflitta in appello. La sentenza diventa quindi definitiva. Confermate tutte i risarcimenti alle parti civili: 150.000 euro a favore della moglie della vittima, Maria Maddalena Mameli, e 100.000 a testa per i figli Alessandra e Andrea Tronci, tutti rappresentati dall’avvocato Federico Delitala. La sentenza della Corte di Cassazione è stata pronunciata ieri sera, proprio nel giorno in cui la vittima avrebbe compiuto 72 anni. Per Batzella è il secondo ergastolo: lo sta scontando per l’omicidio di Gianluca Carta, il titolare di un night sequestrato e ucciso la notte del 18 maggio 2011 con un colpo di fucile al collo.alla periferia di Sestu.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: