Notizie locali
Pubblicità

Italia

Norman Atlantic: pm, in processo si è cercata fuga da Bari

Cominciata requisitoria, nel naufragio morirono 31 persone

Di Redazione

BARI, 15 NOV - "In questo processo si è cercato di fuggire da Bari, dall'Italia e dalla prova: lo si voleva in Grecia. Numerose sono state le questioni poste sulla competenza territoriale". Lo ha detto il pubblico ministero Ettore Cardinali durante la requisitoria cominciata oggi del processo per il naufragio della nave Norman Atlantic avvenuto nella notte tra il 27 ed il 28 dicembre del 2014, al largo delle coste greche, e che causò la morte di 31 persone e il ferimento di altri 64 passeggeri. Il processo si sta celebrando nell'aula bunker di Bitonto dinanzi ai giudici del Tribunale di Bari. "Le carenze della gestione della Norman Atlantic emerse - ha aggiunto - sono state tantissime. C'erano clandestini a bordo e nel garage i camionisti nonostante i divieti". "Chi va per mare ed ha un servizio di trasporto passeggeri devo porre la rotta che è quella della sicurezza delle persone. Qui ahimè - ha affermato - quelle persone non hanno trovato forme adeguate di sicurezza. La rotta tracciata era quella degli aspetti economici e commerciali per guadagnare il più possibile da questa attività. Questo emerge in maniera oggettiva". Per il naufragio della nave Norman Atlantic sono imputate 24 persone, tra le quali l'armatore proprietario della nave Carlo Visentini della società Visemar, i due legali rappresentanti della società greca Anek Lines noleggiatrice del traghetto, il comandante Giacomazzi e 20 membri dell'equipaggio, oltre alle due società . Sono contestai a vario titolo, i reati di cooperazione colposa in naufragio, omicidio colposo e lesioni colpose plurime oltre a numerose violazioni sulla sicurezza. Sono costituti parti civili i ministeri dell'Ambiente, della Difesa e degli Interni, le associazioni Codacons, Confconsumatori e Anmil e circa 70 familiari di vittime e superstiti.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA