Notizie locali
Pubblicità

Archivio

Il pentito Antonio Galliano «Nel 91 Riina incontrò ministri»

Il collaboratore di giustizia ha ripercorso il periodo del maxi processo e della stragi di mafia parlando anche del ruolo di intermediario tra Cosa Nostra e politica dell'ex senatore Marcello Dell'Utri
Di Redazione

PALERMO - «Tra ottobre e novembre del 1991 Mimmo Ganci accompagnò Riina ad una riunione dove c'erano politici, ministri in carica e colonnelli per discutere dell'aggiustamento del maxi processo». Lo ha raccontato il pentito Antonino Galliano deponendo al processo sulla trattativa Stato-mafia. Rispondendo alle domande dei Pm, che gli hanno contestato vecchie dichiarazioni, Galliano, ex boss della cosca della Noce, ha anche detto di aver saputo dal capomafia Mimmo Ganci di un piano della mafia di «staccare la Sicilia dall'Italia». «Volevano fare - ha raccontato - come il bandito Giuliano». Galliano ha parlato anche di Marcello Dell'Utri, dei suoi rapporti con Cosa Nostra e di quelli dell'ex premier silvio Berlusconi: «Marcello Dell'Utri - ha detto - era l'intermediario tra Cosa nostra e la mafia e dava soldi di Berlusconi ad Antonino Cinà. Tramite mio zio Raffaele Ganci il denaro arrivava a Totò Riina». Il collaboratore di giustizia ha raccontato che ci sarebbero state due fasi nel rapporto tra l'allora imprenditore Silvio Berlusconi e la mafia. Il primo, precedente alla guerra di mafia degli anni Ottanta, in cui tramite Dell'Utri l'ex premier avrebbe pagato i boss per assicurarsi la loro protezione a Milano temendo per sé e la sua famiglia. «Dopo la morte di Bontade - ha aggiunto Galliano - ci fu una stasi e Berlusconi non pagava più, né Dell'Utri riceveva più Cinà. Allora - e da qui decorre la seconda fase - Riina, per far tornare Berlusconi a pagare, tramite i catanesi fece mettere una bomba davanti casa sua. A quel punto lui cercò aiuto tramite Dell'Utri e tornò a pagare». Il pentito ha anche raccontato che il giorno dell'assassinio del giudice Borsellino il boss Raffaele Ganci gli disse: «sentiti il botto», riferendosi all'esplosione dell'autobomba che uccise il magistrato. All'inizio dell'udienza di oggi la Procura ha chiesto l'acquisizione di una lettera del segretario generale del Quirinale Donato Marra, che deporrà domani, al procuratore generale della Cassazione. Nella missiva si accenna alle polemiche della stampa sulle intercettazioni tra l'ex ministro Nicola Mancino, che nel processo sulla trattativa risponde di falsa testimonianza, e l'ex consigliere giuridico del Colle Loris D'Ambrosio deceduto nel 2012.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: