Notizie locali
Pubblicità

Catania

Fondi Ue a Fondazione Iom, Cassazione annulla con rinvio dissequestro

Di Redazione

CATANIA - La sesta sezione della Corte di Cassazione, accogliendo il ricorso della Procura di Catania, ha annullato con rinvio l’ordinanza del Tribunale del riesame, presieduta da Sebastiano Mignemi, che il 12 gennaio scorso ha cassato l’ordinanza del Gip che disponeva il sequestro di beni per oltre 4,2 milioni di euro, eseguito dalla guardia di finanza, alla fondazione Istituto oncologico del mediterraneo di Viagrande. Col provvedimento la Cassazione «annulla l’ordinanza impugnata limitatamente all’utilizzazione delle somme di 1,7 e 2,5 milioni di euro», e «rinvia per nuovo esame al Tribunale di Catania e rigetta nel resto il ricorso del pubblico ministero». I pm sono i sostituti Andrea Norzi e Alessandra Tasciotti.

Pubblicità


Lo Iom è accusato di avere «distratto fondi europei, cofinanziati dal Miur, destinati alla ricerca nel settore oncologico» in «operazioni di speculazione finanziaria», trasferendoli «su conti correnti di altre società riconducibili ai medesimi indagati, per ripianare situazioni di deficit aziendale». Il Tribunale del riesame di Catania, accogliendo la richiesta degli avvocati Fabio Lattanzi e Filippo Paterniti, aveva disposto «la trasmissione degli atti alla Procura per l'esecuzione del dissequestro e la restituzione di quanto avente diritto». «I finanziamenti sono sempre stati versati esclusivamente su conti correnti intestati solo alla Fondazione», hanno sempre sostenuto i legali della Fondazione Iom. Sulla richiesta di sequestro si dovrà adesso esprimere nuovamente il Tribunale del riesame di Catania, in diversa composizione. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: