home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Pozzallo, due poliziotti aggrediti da migranti

Gli agenti presi a testate, in due distinti episodi, da due tunisini. Il sindaco: «Sì all'accoglienza umanitaria ma tolleranza zero con chi non rispetta la civile convivenza»

Pozzallo, due poliziotti aggrediti da migranti

POZZALLO - Due poliziotti sono stati presi a testate, in due episodi distinti, da altrettanti tunisini, sbarcati assieme ad altri 109 migranti nel porto di Pozzallo. Il primo agente è stato colpito dopo avere preso le difese di una operatrice umanitaria apostrofata in modo volgare da un tunisino durante le operazioni di sbarco. L’altro episodio si è verificato quando un agente è riuscito a bloccare un tunisino fuggito dal pronto soccorso dove era stato trasferito per un presunto, e probabilmente inesistente, malore. Il nordafricano ha colpito con tre testate l’agente che è stato ricoverato, con un ipotesi di frattura del setto nasale e una prognosi di trenta giorni, nell’ospedale di Modica.

Il sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna ,manifesta solidarietà agli operatori delle forze dell’ordine impegnate nelle attività di controllo all'interno dell'hotspot. «I timori e le preoccupazioni manifestate circa lo sbarco di migranti di nazionalità tunisina - afferma il sindaco - hanno trovato fondamento in questi episodi di intolleranza da parte degli stessi. «La città di Pozzallo - aggiunge Ammatuna - vuole continuare nell'attività di accoglienza umanitaria verso quei migranti che provengono da situazioni di guerra e di fame, ma il rispetto della legalità impone tolleranza zero nei confronti di chi arriva con fini diversi da quelli di integrazione e civile convivenza». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa