Notizie locali
Pubblicità

Sport

Serie B, Zamparini: «La Figc indaghi sull'arbitro di Parma Palermo»

Di Redazione

"Sono da 35 anni nel mondo del calcio, ieri sera abbiamo subito una porcheria, qualcuno alla procura federale indaghi e veda". Maurizio Zamparini, presidente del Palermo, dà sfogo a tutta la sua rabbia. Il giorno dopo la sconfitta per 3-2 a Parma, il massimo dirigente rosanero, in un’intervista telefonica pubblicata dal sito del club, punta il dito contro la direzione di gara.

Pubblicità

"E' una partita che temevo molto per quello che è poi successo, per l’arbitraggio, una cosa che succede sempre col Parma e con Tedino", attacca Zamparini, che va a tirare in ballo i play-off di Lega Pro della scorsa stagione, quando l’attuale tecnico dei siciliani era sulla panchina del Pordenone.

"Se andate a vedere l’anno scorso, per l’accesso alla serie B, la partita Pordenone-Parma, vedrete lo stesso film di ieri sera. Quando un arbitro fa un errore, è un errore, se ne fanno uno, due, tre contro il Palermo, bisogna che qualcuno indaghi". Zamparini reclama per il possibile fuorigioco sul primo gol di Calaiò e sul rigore concesso al Parma che ha portato la squadra di casa sul 2-0.

"Quando vedo una squadra che viene aiutata come il Parma, sono molto preoccupato, questo non è più calcio". Il patron del Palermo prova a guardare ora alla prossima sfida col Pescara, che ha appena cambiato allenatore (Pillon per Epifani) per uscire da un momento complicato. "Non sarà una partita facile, poi in questo momento non sono sereno dopo quello che è successo ieri sera, speriamo che anche l’ambiente si riprenda subito".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: