Notizie locali
Pubblicità

Sport

Serie C, Girone C: successo per Catania e Palermo, la Ternana batte l'Avellino e torna in Serie B

Di Leonardo Zermo

Ben cinque reti nella prima sfida del trentaquattresimo turno: il Palermo vince lo scontro diretto sul campo della Casertana. Nel primo tempo uno scatenato Lorenzo Lucca indirizza il match con una doppietta di testa nel primo quarto d’ora. Nel finale dei primi 45' Luigi Cuppone accorcia, ma nel recupero lo stesso Lucca sigla la propria tripletta personale, ristabilendo le distanze. Poche emozioni nella seconda metà se non negli ultimi minuti: al 88’ il subentrato attaccante rosanero Kanoute si guadagna un calcio di rigore che però lui stesso spedisce sul palo e poco dopo Alberto Almici si procura un’espulsione diretta per un brutto fallo, lasciando la squadra di Filippi in dieci uomini. Nel recupero Fabrizio Buschiazzo, entrato a partita in corso, riapre i conti, ma ormai è troppo tardi per la rimonta. Con questa importante vittoria i siciliani scavalcano proprio la compagine di Caserta, guadagnando il nono posto in solitaria.

Pubblicità


Anche il Bari vince in trasferta allo Stadio Luigi Razza di Vibo Valentia. Il gol decisivo porta la firma di Mirko Antenucci, che al 34’ trasforma un calcio di rigore siglando la tredicesima rete in campionato e regala i tre punti ai galletti. La Vibonese non riesce a mettersi alle spalle la zona play-out, mentre i biancorossi riescono a tenersi davanti al Catanzaro.


Il Teramo interrompe la serie di tre sconfitte consecutive sconfiggendo la Turris. Poco da segnalare nel primo tempo, mentre in apertura di ripresa Pedro Costa Ferreira stappa il match con un diagonale preciso su assist di Bombagi. Al 78’, però, Giuliano Alma risponde con un tap-in da pochi passi ristabilendo la parità. Nel finale, all’87’, Francesco Bombagi si arrampica in cielo e stacca di testa, firmando il gol da tre punti. Così la squadra abruzzese prova a confermare la propria posizione tra le prime dieci, mentre i torresi si ritrovano a soli quattro punti dalle ultime quattro.


Il Catania continua a cavalcare l’onda dell’effetto Baldini e inanella il terzo successo di fila, superando di misura la Viterbese tra le mura dello Stadio Angelo Massimino. Il match winner è Jacopo Dall’Oglio che all’ora di gioco trasforma splendidamente una punizione, timbrando il suo secondo gol consecutivo e trascinando gli etnei alla vittoria. I rossazzurri, in questo modo, riescono a tenersi stretta la quinta posizione, mentre i gialloblù perdono un altro treno per la zona play-off.


La Virtus Francavilla è cinica nella sfida casalinga contro la Cavese, vincendo per 1-0 contro il fanalino di coda del Girone C. Nel primo tempo Federico Vazquez spreca l’occasione di portare in vantaggio i padroni di casa, facendosi parare un calcio di rigore dal portiere avversario Kucich. Nei secondi 45’, invece, Federico Gerardi lascia i suoi in inferiorità numerica, rimediando due ammonizioni nel giro di centoventi secondi. Così al 69’ Leonardo Nunzella sigla il gol da tre punti con un tiro mancino che si infila in buca d’angolo. I biancazzurri, all’inseguimento della zona play-off, infilano il secondo successo consecutivo e tornano alla vittoria allo Stadio Giovanni Paolo II dopo cinque risultati negativi. I blufoncé, invece, rimangono inesorabilmente ultimi.


Nello scontro al vertice tra prima e seconda, il ciclone Ternana si abbatte senza fare sconti sull’Avellino e chiude definitivamente la pratica per la promozione diretta. I padroni di casa hanno già i tre punti in tasca alla fine del primo tempo: dopo appena venti secondi il capocannoniere Cesar Falletti buca la difesa avversaria e apre i conti e tra il 18’ e il 24’ Fabrizio Paghera e Federico Furlan raddoppiano e triplicano il parziale. Nella seconda metà Anthony Partipilo si aggiunge alla festa firmando il 4-0 raggiungendo il compagno Falletti in testa alla classifica marcatori del torneo e all’87 Alberto Dossena segna il classico gol della bandiera. La squadra di Lucarelli, dopo una fantastica annata, vola direttamente in Serie B con tre giornate di anticipo.


Battendo in trasferta il Potenza, la Juve Stabia vince la quinta partita consecutiva e non si ferma più. Non si ferma nemmeno Alessandro Marotta, che al 22’ marca il suo ottavo gol consecutivo negli ultimi cinque incontri e sblocca il match. Dieci minuti più tardi Francesco Orlando raddoppia e mette in ghiaccio il risultato con una magia. Nella seconda metà della ripresa Allan Baclet sciupa l’opportunità di riaprire la sfida sbagliando un tiro dal dischetto, parato da Alessandro Farroni. La compagine di Castellammare di Stabia tiene il passo del Catania e mantiene il sesto posto in classifica.


Il Catanzaro non molla il passo e batte per 1-0 il Bisceglie con il gol decisivo di Davis Curiale. Così i giallorossi tengono a distanza il Catania e non si allontanano ulteriormente da Avellino e Bari, distanti rispettivamente uno e cinque punti. I nerazzurri stellati, alla quarta sconfitta di fila, vedono sempre più lontana la possibilità di una salvezza diretta.


La partita tra Foggia e Monopoli, che avrebbe dovuto chiudere il turno trentaquattro alle 20.30 del 3 aprile, è stata rinviata a causa di positività al covid-19 in entrambe le formazioni.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA