Notizie locali
Pubblicità

Siracusa

Siracusa, continui guasti idrici: è emergenza

Di Massimiliano Torneo

Quando qualche sito di informazione locale scrive che manca l’acqua alla Borgata, a Siracusa, in realtà non manca l’acqua alla Borgata. Manca l’acqua alla Borgata, in viale Luigi Cadorna, oltre viale Luigi Cadorna, a piazza della Vittoria e nelle strade limitrofe, in via Di Natale e in tutte le parallele e perpendicolari a ridosso di corso Gelone, in corso Gelone e anche oltre, via Brenta, piazza Adda e tutto il rione che le circonda. Questo vuol dire due cose: la prima è che c’è un deficit culturale nel riconoscere ciò che storicamente a Siracusa sia sempre stato definito “Borgata”, la seconda, quella più importante in relazione a questo articolo, è che con una media inquietante di guasti manca l’acqua non in un solo rione, ma in una fetta enorme di città, che copre non meno di 30mila utenze. Manca l’acqua, insomma, in quello che fino a poco tempo fa, prima che le élite prendessero l’abitudine di vivere a Ortigia e considerare quello il centro del mondo, era il centro della città. Un’emergenza la cui dimensione la dittatura delle parole (sbagliate) rischia di non rappresentare appieno. È successo di nuovo pochi giorni fa: un guasto idrico che ha avuto origine, quella sì, alla Borgata, in via Trapani. Ma con ripercussioni molto più in là, fino al quartiere Neapolis e oltre. E questa cosa sta accadendo con una frequenza imbarazzante. Il gestore, Siam, è puntuale nel comunicare i continui guasti, e a intervenire. Ciò non allevia il disagio: lo si evince dalle reazioni dei cittadini. Siam mercoledì mattina ha comunicato che “la rottura di un tubo in via Trapani” stava causando “problemi di riduzione della pressione e di assenza di acqua”, che i tecnici erano “al lavoro” e che sarebbe stato necessario “interrompere l'erogazione”. Di messaggi così ne ha inoltrati una ventina negli ultimi 4 mesi. Un cittadino ha risposto: “Giorni senza problemi idrici: zero. (…) Perché viviamo come nel Terzo mondo? Qualcuno sa rispondere a questa domanda?”. Ecco, qualcuno sa rispondere? Del problema si sono accorti anche i tre segretari generali del comparto Pensionati di Cgil Cisl e Uil, Valeria Tranchina, Vito Polizzi e Emanuele Sorrentino, che continuano a ricevere segnalazioni su segnalazioni di tantissimi anziani alle prese con la ripetuta mancanza d’acqua: “Sappiamo da tempo che la rete idrica siracusana è un colabrodo – hanno sottolineato i tre – e proprio per questo non riusciamo a comprendere il perché non si attivi un intervento strutturale assicurando l’acqua in tutte le zone della città. Alla Borgata, quartiere densamente abitato e con una corposa popolazione anziana, da troppe settimane si stanno verificando rotture di tubi che provocano prima la diminuzione della pressione ai rubinetti e poi, purtroppo, la totale mancanza di acqua”. Sull’edizione cartacea de La Sicilia di oggi, sabato 4 giugno, un ritorno importante sull’argomento, con lavori sulla rete che potrebbe sbloccarsi giovedì prossimo.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA