Notizie locali
Pubblicità

Sport

Il Messina vince e respira: domato il Campobasso

Decisive le reti di Adorante e Gonçalves nel primo tempo, ora la zona salvezza è a un solo punto

Di Manuel Pernice

Una boccata d'ossigeno. Il Messina ritrova la vittoria e prova a dimenarsi dalle sabbie mobili della classifica. Una squadra cinica, che ha punito un buon Campobasso con le poche occasioni create. I peloritani sbloccano il match con Adorante, grazie alla complicità del portiere molisano. E raddoppiano con il missile di Gonçalves. Nella ripresa il Campobasso prova ad accorciare le distanze. Ma gli ospiti sbattono sul castello difensivo avversario e su un Lewandowski in versione "Spiderman". 

Pubblicità

Avvio a ritmi blandi. La partita fatica a decollare. Le uniche emozioni della prima mezz'ora sono gli infortuni del molisano Magri  e Vukusic. Il tecnico peloritano inserisce il funambolo Balde al posto del croato. Ed é proprio il neo entrato a svegliare dal torpore i biancuscudati. Giocate di qualità che mandano in apnea la difesa avversaria. Al 35' il Messina "stappa" la partita. Fofana illumina per Adorante, che manda al bar il marcatore e conclude. Papera di Raccichino e peloritani in vantaggio. Tutto il potere di un gol. I siciliani si rinvigoriscono e continuano a macinare gioco. E alla seconda occasione arriva il raddoppio. Al 44' Morelli imbecca Adorante che svirgola, sul pallone si avventa Goncalves che con un bolide fulmina il portiere. Messina cinico che punisce nelle uniche occasioni create.

Nella ripresa il Campobasso si catapulta in avanti. Ma la prima occasione é dei peloritani. Al 55' Goncalves su punizione trova la risposta di Raccichino. Cinque minuti dopo gli ospiti sfiorano il gol. Conclusione di Parigi respinta dalla difesa. Sulla ribattuta si avventa Dalmazzi che conclude alle stelle. Dopo lo spavento il tecnico Capuano inserisce forze fresche. Busatto entra al posto di Balde, che ha accusato un problema muscolare. Dentro anche Sarzi Puttini per Goncalves. Il Campobasso pigia sull'acceleratore. Al 65' Rossetti sale nell'attico ma non inquadra lo specchio. Il Messina serra le fila e il Campobasso non riesce a far cadere il castello difensiva peloritano. Al 82' Vanzan si incunuea in area ma conclude in "bocca" a Lewandowski. Tre minuti dopo gli ospiti sfiorano il gol. Conclusione dal cuore dell'area di Parigi, Lewandowski vola e blinda la porta. Al tramonto del match va vicino alla rete il Campobasso con Emmausso. Conclusione respinta che si spegne di poco a lato. É l'ultima emozione. Il Messina porta a casa il bottino pieno e fa un doppio salto in classifica.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA