Notizie locali
[type=TEXT, value=]

Gallery

Crollo della palazzina a Catania, l'allarme di un residente ha evitato il peggio

Di Redazione
Pubblicità

Si deve all'allarme di un residente il fatto che il crollo di una vecchia palazzina tra via Castromarino e via Plebiscito non sia sia trasformato in una strage. Pare infatti che l'edificio venuto giù abbia cominciato a scricchiolare già ieri sera e un residente abbia chiamato i vigili del fuoco preoccupato da quelle crepe che si allargavano sui muri della sua abitazione fra sinistri rumori che non lasciavano presagire nulla di buono. E' per questo che i vigili del fuoco si trovavano già sul posto quando il cortile del palazzo di circa 300 metri quadrati si è "collassato" in una voragine profonda 2-3 metri, trascinando parte della struttura.  «Per fortuna in quel momento - ha spiegato Giuseppe Verme, comandante provinciale dei vigili del fuoco di Catania - i sopralluoghi in quella zona si erano conclusi e non c'era nessuno dei vigili del fuoco all’opera né abitanti nell’edificio che erano stati già evacuati. Non ci sono dispersi e tutti i presenti sono stati messi in salvo». 

Alimentata da alcuni abitanti della zona, si è diffusa la voce - ancora non confermata - che il crollo possa essere in qualche modo collegato con i lavori in corso della metropolitana di Catania. In quella zona infatti è in costruzione la tratta Stesicoro-Aeroporto, ma la circostanza non ha ancora trovato conferme e il comandante dei vigili del fuoco non ha al momento preso in considerazione questa ipotesi.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità