Notizie locali
Pubblicità

Video

Catania, i tifosi tornano in Curva Nord dopo 600 giorni: il video dei cori

Di Giovanni Finocchiaro
Pubblicità


 Seicento giorni dopo, un lasso di tempo infinito. Ma i gruppi organizzati della Nord sono finalmente lì, al proprio posto. L'avevano annunciato giorni fa, nel momento più buio della storia del Catania, seconda soltanto allo scandalo epico dei “Treni del gol”. Al fianco della storia, dei giocatori, al fianco della maglia, non certo della  Sigi che hanno bollato, prendendone le distanze in maniera vistosa.


Venti minuti prima del via il corteo entra e grida: “Noi siamo il Calcio Catania”. E via con i cori di repertorio che scuotono il Massimino e le coscienze di molti. Scuotono anche i ricordi e animano la passione di chi ha vissuto la martoriata storia della matricola 11700, una storia costruita su vittoria importanti, sulla ricostruzione dopo le sconfitte, ma anche su un futuro che oggi sembra più incerto di sempre. 


Eccoli, i tifosi, un migliaio in tribuna a sventolare bandiere, incitare i calciatori e criticare chi causerà penalizzazioni su penalizzazioni. Dopo 18' cominciano le commemorazioni. Si comincia con “Torrone”, uno dei “carusi” storici del settore scomparso anni fa, ma sempre vivo nel cuore dei suoi amici. Dopo i primi 30' ecco le bordate contro i soci Sigi: “Società incompetente, gestione imbarazzante”. E via col coro: “Vogliamo solo rispetto”. Segna l'Avellino ma il sostegno non accenna a calare. Prima del riposo i cori non si interrompono. 


Il tifo trascina sempre, così il Catania passa con Claiton che va ad esultare proprio sotto il settore più caldo. Una sorta di ritorno al passato che tutti sperano non rimanga unico e solo. Ma la scena più bella è al termine della gara: i tifosi chiamano i giocatori che sostano più e più minuti sotto il settore. E i cori si prolungano ben  oltre il fischio finale. Una scena da copertina. Finalmente. Due anni di attesa, quasi, sono bastati. E se si potesse tornare alla normalità anche sul piano societario... 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità