Notizie Locali


SEZIONI
Catania 27°

Agrigento

Agrigento, la Procura apre inchiesta sul viadotto Morandi e il sindaco Firetto chiede all’Anas di chiuderlo

Di Redazione |

La Procura della Repubblica di Agrigento ha aperto un’inchiesta sulle condizioni di stabilità del viadotto Morandi, che collega Agrigento con Porto Empedocle. Dopo i timori emersi, accompagnati da polemiche, il procuratore Luigi Patronaggio ha aperto un fascicolo «per accertare se il viadotto costituisca un pericolo per la pubblica incolumità».

GUARDA IL VIDEO

A fare scoppiare il «caso» è stata l’associazione Mareamico che, nei giorni scorsi, ha diffuso un filmato per denunciare il degrado strutturale dei piloni che sorreggono il viadotto Morandi. Una preoccupazione condivisa dal sindaco Calogero Firetto che ne ha chiesto la chiusra: «C’è troppa preoccupazione. Troppa! Le rassicurazioni di Anas non hanno attenuato i timori – ha detto il sindaco di Agrigento Lillo Firetto – Si chiuda il ponte e si inizino urgentemente i lavori».

L’Anas intanto ha comunicato la chiusura al traffico del Viadotto per consentire il più celere avvio dei lavori per gli interventi di manutenzione già programmati.

Infatti, in vista dell’aggiudicazione, prevista per domani, dei lavori di consolidamento di alcune travi di bordo degli impalcati, saranno anticipate alcune attività propedeutiche alla cantierizzazione. Per garantire l’esecuzione in sicurezza di tali lavorazioni è stato quindi necessario procedere alla chiusura del tratto di strada. I lavori avranno una durata stimata di circa 180 giorni dall’avvenuta consegna.

In relazione alle notizie apparse sui giornali – spiega l’Anas – in merito alle indagini avviate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Agrigento, Anas conferma di aver ricevuto dalla Procura richiesta di informazioni sulla situazione strutturale del viadotto, in merito alle quali sta fornendo tutte le informazioni.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati