Notizie Locali


SEZIONI
°

Porto Empedocle

La Uil agrigentina a favore del rigassificatore

Acquisto e Manganella: "È il momento di riproporre questioni che da anni avrebbero potuto essere parte della soluzione a tanti problemi nella nostra provincia"

Di Gaetano Ravana' |

Dopo aver denunciato più volte l’aumento delle bollette e  la situazione gravissima in cui versano i nostri concittadini è arrivato il momento di riproporre questioni che da anni avrebbero potuto essere  parte della soluzione a tanti problemi . Il Segretario della Uil di Agrigento, Gero Acquisto a tal proposito dichiara: “Non è più il caso di procrastinare, mai come ora necessitiamo  di approvvigionamenti energetici. Non si fa altro che parlare di Transizione energetica e soluzioni sostenibili, ciò che ci preoccupa è il come arriveremo al raggiungimento di questi obbiettivi. Indubbiamente anche nella nostra Provincia si sono fatti dei passi avanti, ma  la produzione di gas in Italia è arrivata ai minimi storici, nonostante il nostro territorio sia ricco di giacimenti di gas, dipendiamo dalle importazioni, che a causa della situazione di crisi attuale rappresentano un problema  che graverà sull’economia dei cittadini e del nostro territorio già martoriato a sufficienza dalla pandemia”. “Gli aumenti del costo delle materie prime e dell’energia ci impongono  di riconsiderare il sistema di approvvigionamento delle materie prime soprattutto per ciò che concerne il gas. – dichiara  il Segretario della  UILTEC agrigentina Giovanni Manganella – L’ interesse di Enel sul progetto che riguarda la costruzione di un rigassificatore a Porto Empedocle e la recente sentenza del Tar che consente la costruzione del gasdotto che collegherebbe il terminale alla rete nazionale ci fa ben sperare che qualcosa si muova ancora” . I due sindacalisti, Acquisto e Manganella ribadiscono che riproporre la costruzione di questa infrastruttura energetica oggi è fondamentale per la nostra provincia , per la Sicilia e per il Paese. Il progetto aveva una capacità produttiva di 8 miliardi di metri cubi di gas all’anno, rimettere in piedi e portare a termine la costruzione del rigassificatore,  compreso il metanodotto di collegamento alla rete nazionale necessita comunque di tempi medio lunghi. Il paese avrebbe bisogno di almeno 4 rigassificatori perché la transizione energetica avverrà nel lungo periodo e attraverso l’uso del gas.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA