Notizie Locali


SEZIONI
Catania 19°

il caso

La Villa del Sole e gli alberi tagliati, l’assessore Principato: «Vi spiego che cosa sta accadendo»

L'eliminazione di 10 mila mq di verde ha lasciato tutti sorpresi. Ma c'è anche un altro progetto

Di Fabio Russello |

La notizia è che è vero che tutti i pini (o quasi) della Villa del Sole sono stati eliminati. Ma è anche vero che conosciamo solo la prima parte della storia. La seconda parte, almeno dalle parole dell’assessore comunale ai lavori pubblici Gerlando Principato, è a lieto fine.

«Intanto – spiega subito l’assessore Principato – il Comune ha fatto un progetto che ha tutte le autorizzazioni degli enti compresa la Soprintendenza di Agrigento». Nel progetto però a pagina 40 c’è scritto “Taglio manuale di alberi mediante motosega” ma non c’è alcuna indicazione sul “dopo”. Da qui la polemica con molti agrigentini che sono insorti. E invece – ha spiegato Principato – conosciamo solo la prima parte della storia:

«C’è un progetto di altri 600 mila euro, uno stralcio di quello relativo all’asilo, che è relativo all’area verde della Villa del Sole e che riguarda l’area esterna. E’ prevista anche una pista da skate, un orto botanico, il ripristino del verde con altre essenze e comunque è previsto un utilizzo anche sociale della Villa».

L’assessore spiega: «Il taglio degli alberi si è reso necessario perché quelli in prossimità della strada hanno creato problemi sul muro di sostegno a sud della Villa. Un problema legato alle radici. Per ripristinare la fruibilità era necessario prima risolvere questo problema di sicurezza».

Dunque il progetto dell’asilo è la prima parte del progetto, ora si aspetta il secondo che, spiega sempre Principato, è in via di approvazione e di finanziamento, grazie all’interessamento dell’assessore regionale agrigentino Roberto Di Mauro: «Sarà approvato in poche settimane e poi trasmesso alla Regione per il finanziamento».

Due progetti diversi perché sono due linee di finanziamento diverse: il primo era relativo all’asilo e passava dai fondi del Pnrr, il secondo passerà dai fondi della Regione.

«Il secondo stralcio – garantisce Principato – prevede il consolidamento del muro sud, ma anche altro come il ripristino del verde e pure la realizzazione di un orto botanico».COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati