Notizie Locali


SEZIONI
Catania 13°

il caso

Sistema Montante, prescrizione per il presidente Schifani e per altri tre

Il pronunciamento del Tribunale di Caltanissetta

Di Redazione |

La prescrizione del reato di concorso esterno in associazione arriva per il presidente della Regione Renato Schifani nell’ambito del processo sul “sistema Montante” che si celebra dinnanzi al tribunale collegiale di Caltanissetta, presieduto da Francesco D’Arrigo.

Prescrizione dei reati anche per Andrea Cavacece e Angelo Cuva. I tre – secondo l’accusa – avrebbero diffuso notizie relative alle indagini che la procura di Caltanissetta stava compiendo a carico dell’ex leader degli industriali Antonello Montante. Schifani era assistito dagli avvocati Roberto Tricoli e Sonia Costa.

Oltre al presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani, ad Angelo Cuva e Andrea Cavacece, nel corso dell’udienza di questa mattina del processo sul sistema Montante, che si celebra a Caltanissetta, il presidente del Tribunale, Francesco D’Arrigo, ha emesso sentenza di prescrizione anche per Maurizio Bernava, ex segretario generale della Cisl. Il sindacalista era accusato di aver rivelato parte delle dichiarazioni rese all’autorità giudiziaria quando è stato sentito come persona informata sui fatti.Escono dal processo anche i fratelli palermitani Andrea e Salvatore Calì che, secondo la Procura Nissena, avrebbero cercato delle cimici non soltanto a casa di Montante ma anche in Confindustria Caltanissetta, oltre alle abitazioni di alcuni indagati dell’epoca oggi imputati.

Il pm Maurizio Bonaccorso si era opposto alla prescrizione del reato di concorso esterno in associazione a delinquere. Secondo l’accusa il reato si sarebbe prescritto nell’ottobre del 2024, ma il tribunale ha respinto questa richiesta accogliendo invece la tesi dei difensori del Governatore. La prescrizione è scattata anche per l’ex capo dei servizi segreti Arturo Esposito, per il capo reparto dell’Aisi Andrea Cavacece e per il tributarista Angelo Cuva, anche loro accusati di far parte della catena delle talpe dell’ex leader di Confindustria, Antonello Montante, condannato in appello a 8 anni di carcere.

I legale del presidente

«Il nostro cliente si è sempre dichiarato totalmente estraneo ai fatti addebitatigli, non avendo mai avuto rapporti con Antonello Montante, così come palesemente risulta dagli atti processuali». Lo dicono gli avvocati Roberto Tricoli, Sonia Costa e Massimiliano Miceli, legali del presidente della Regione Renato Schifani a margine della sentenza di prescrizione dei reati di questa mattina come imputato nel processo sul Sistema Montante.«Il nostro assistito – continuano i legali – a riprova della sua totale estraneità ai fatti, aveva chiesto di essere giudicato con rito immediato per potere ottenere celere conferma della sua innocenza dall’Autorità Giudiziaria del Tribunale di Caltanissetta. Tale istanza veniva accolta, tanto che il cinque dicembre del lontano 2018 si è celebrata la prima udienza del processo, ma, in quell’occasione, la Procura di Caltanissetta, con la condivisione del Collegio Giudicante, chiedeva la riunione del processo attivato con il rito speciale al troncone principale da tenersi con il rito ordinario nel quale risultavano imputati quindici persone, oggi trenta, a causa della successiva riunione con altro procedimento, i cui tempi si sono ampiamente dilatati».«Il nostro assistito – continuano gli avvocati – pur potendo addurre varie ragioni di carattere sanitario (intervento al cuore) ed elettorali (regionali del 2022), non ha mai chiesto la sospensione del processo per legittimo impedimento, al fine di evitare la paralisi dello stesso ed il danno conseguente a carico degli altri imputati aventi diritto alla celebrazione in giudizio entro ragionevoli tempi, così come sancito dall’Art. 111 della Costituzione. Proprio sulla base di questo sacrosanto principio, il nostro assistito ha condiviso con i difensori di non potere non prendere atto della decisione del Tribunale. Tutto ciò – concludono i legali – dopo avere ampiamente dimostrato di non volersi sottrarre al giudizio del Tribunale con la richiesta di essere giudicato immediatamente, tenuto conto, peraltro, che la posizione del nostro assistito non è stata, ad oggi, neppure sfiorata nel corso della istruttoria dibattimentale».COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati