Notizie Locali


SEZIONI
°

elezioni amministrative

Catania, Emiliano Abramo spiazza tutti e dice “no” alla candidatura a sindaco

L'esponente della Comunità di Sant'Egidio spiega le ragioni della rinuncia. Campo progressista punto e a capo. In forse l'evento delle Ciminiere.

Di Francesca Aglieri Rinella |

Ragioni familiari e personali. Emiliano Abramo ha motivato così il “no” alla candidatura a sindaco, definita nei giorni scorsi come espressione unitaria del fronte progressista di Pd, M5S, Sinistra Italiana e Europa Verde.

Lo ha annunciato con una lunga lettera: «Ringrazio – ha scritto – il fronte progressista per aver indicato la mia persona come candidato a sindaco di Catania e, soprattutto, per aver realizzato un percorso unitivo che è diventata una proposta di governo della città. Catania, a mio sentire, sta vivendo un periodo di rinnovamento grazie al lavoro di alcune istituzioni che ben funzionano come la Procura della Repubblica guidata dal dott. Zuccaro o l’Università di Catania che, all’apertura dell’anno accademico, ha messo in mostra le solide basi sulle quali poggiano le ambizioni di un futuro non troppo lontano che ci vedrà competitivi con le esperienze più virtuose. Catania è una città che vede una generazione di giovani appassionati nel portare avanti le loro battaglie come, ad esempio, quella ambientale. Così come sempre ricco è il mondo dell’associazionismo e del volontariato che vive molto anche nelle periferie della città.Infine mi piace sottolineare il richiamo alla questione morale e il lavoro che Mons. Renna svolge con impegno sin dal suo insediamento spingendo la città verso l’unità per meglio affrontare i problemi, guardando alle periferie e alla formazione dei giovani. In questo quadro positivo la politica è chiamata ad un salto di qualità, a far prevalere le sue qualità di apertura, di convergenza, di progettualità diffusa. Sono cresciuto dentro questo modo di pensare e praticare l’impegno sociale e ho sempre guardato alla politica con questo criterio guida. Il lavoro svolto dalla coalizione e dai tavoli mi sembra andare in questa direzione, anche se ancora qualche altro passo va compiuto».

Le ragioni del No

«In questo quadro – ha spiegato Emiliano Abramo – se pur onorato dalla proposta ricevuta, mi duole comunicare la rinuncia alla candidatura a sindaco spinto da motivi personali e familiari. Assicuro comunque con fermezza la volontà di dare il mio contributo continuando l’impegno nella virtuosa esperienza della Comunità di Sant’Egidio, nel cda dell’ateneo e nei diversi ambiti che mi vedono coinvolto. Ringrazio particolarmente, per la fiducia mostratami, il segretario regionale del PD Anthony Barbagallo, l’on. Nuccio Di Paola del Movimento 5 Stelle e il segretario provinciale di Sinistra Italiana Pierpaolo Montalto».

«Esprimo – ha concluso – sincera gratitudine anche alle forze civiche e ai sindacati che hanno animato i tavoli tematici e alle tante persone che in questi giorni mi hanno raggiunto con messaggi di stima e di affetto. Continuando a sostenere il lavoro di queste forze della coalizione in città auspico un clima sereno in campagna elettorale dove al centro ritorni il bene della collettività e l’ascolto reale che le tante esperienze virtuose, in vari modi, chiedono in questi giorni che ci separano dal voto come un appello accorato, consapevoli che ci giochiamo il presente in una città alla quale in tanti hanno provato a rubare il futuro».

L’evento alle Ciminiere

E’ in forse, a questo punto, l’evento in programma per questo pomeriggio alle 17.30, alle Ciminiere. I partiti della coalizione progressista stanno, infatti, valutando se annullare l’evento e riprogrammarlo per un’altra data.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti:

Articoli correlati