Notizie Locali


SEZIONI
Catania 23°

LA PANDEMIA

Covid, allarme nelle scuole del Ragusano: chiuso un altro plesso in città

Sono oltre cento i ragazzi i età scolare prositivi al Covid nella provincia iblea, a conferma che è la fascia più colpita da questa ondata

Di Redazione |

Continua l'allarme nelle scuole del ragusano, a conferma che questa ondata di Covid  sta colpendo soprattutto i giovani i età scolare. Questa mattina è stata decisa la chiusura per due giorni, oggi e domani, del circolo didattico Palazzello di Ragusa. Lo ha stabilito il sindaco, Peppe Cassì, alla luce del fatto che in 5 classi è stato registrato un focolaio di Covid-19, che ha visto coinvolti diversi alunni dell’Istituto. Disposta la sanificazione dei locali e l'organizzazione di uno screening tramite tampone antigenico della popolazione scolastica.

I questo momento sono oltre 100 i ragazzi della provincia di Ragusa – tra scuola dell’infanzia, elementari e istituti superiori – positivi al Covid-19. I dati riguardano tutti i distretti sanitari di Ragusa, Modica e Vittoria. Sono 12 le scuole interessate da focolai nel Distretto di Ragusa che comprende i Comuni di Ragusa, Santa Croce Camerina, Giarratana, Monterosso e Chiaramonte mentre risultano essere 7 gli istituti del Distretto di Modica che comprende Modica, Pozzallo, Scicli e Ispica. Le scuole interessate nel Distretto di Vittoria, che oltre a Vittoria include Acate e Comiso, sono tre. Mentre i dati del distretto di Ragusa e Modica sono aggiornati al 26 novembre, ad Acate i dati sono fermi all’11 novembre e al 24 tra Comiso e Vittoria. 

A Modica, tra l’ altro, il sindaco ha chiuso tutti i plessi di competenza del circolo didattico Piano Gesù fino a venerdì 3 dicembre. Il provvedimento riguarda tutte le classi della scuola dell’infanzia e della primaria. La decisione è stata presa a seguito della preoccupante ondata di contagi Covid, ad oggi sono 31, che si è accertata a partire dalla scorsa settimana tra le classi di questo istituto. 

I dati di Ragusa confermano in un certo senso i numeri dei contagi che arrivano dai vari monitoraggi a livello nazionale. Tra le fasce d’età, l’aumento è più marcato nell’età scolare, soprattutto tra i 6 e gli 11 anni dove si osserva circa il 50% dei casi della fascia 0-19. La fascia 12-19 anni è anche l’unica sotto il 70% di copertura tra le altre fasce d’età vaccinabili. A breve è però attesa la delibera dell’Aifa che potrebbe estendere la vaccinazione con Pfizer a chi ha almeno 5 anni di età, dopo la raccomandazione favorevole dell’Ema, ampliando la platea con altre 3,7 milioni di persone e aumentare ulteriormente la copertura vaccinale della popolazione.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA