Notizie Locali


SEZIONI
Catania 13°

IL CASO

Catania, lo sgombero dello studentato 95100 è stato disposto dal Gip: 11 indagati per occupazione abusiva dell’edificio

Di Redazione |

Mentre montano le polemiche per lo sgombero dello studentato 95100 a Catania – E’ stato un sequestro preventivo disposto dal gip, su richiesta della Procura, eseguito sull’immobile di proprietà delle biblioteche riunite civica Ursino Recupero occupato dal 2018 dal centro sociale Liotru/Spazi sociali fatto sgomberare dalla polizia.

«In esito agli accertamenti delegati alla Digos della Questura di Catania – si legge in una nota della Procura – sono stati acquisiti indizi utili per contestare a undici aderenti al centro sociale Liotru/Spazi sociali il reato di invasione e occupazione di edificio pubblico e per richiedere la misura cautelare reale del sequestro preventivo dell’immobile, poi disposta dal Giudice per le indagini preliminari».

«Mai ospitato famiglie»

La fase esecutiva del provvedimento, curata dalla Digos e da altro personale della Polizia, sottolinea la Procura di Catania «ha permesso di riscontrare come l’immobile non abbia mai ospitato famiglie, ma esclusivamente aderenti e attivisti del centro sociale». D’altronde sembra normale che uno studentato non ospiti intere famiglie, ma giovani universitari senza alloggio.

L’edificio – si legge ancora in una nota diffusa dalla polizia – è stato liberato dai pochi aderenti presenti e «al termine dell’attività, svoltasi senza alcun problema di ordine pubblico, l’immobile, è stato affidato in giudiziale custodia al legale rappresentante dell’Ente proprietario».

Era l’alloggio di 12 studenti

Dallo studentato 95100 si apprende che attualmente vi abitavano dodici studenti. Negli spazi a piano terra – abbandonati da un ventennio, come tutto l’immobile – alcune ragazze aderenti all’associazione femministra e transfemminista “Non una di meno” avevano aperto, da volontarie, un consultorio gratuito per le donne vittime di violenza con la presenza di psicologhe, ginecologhe e anche avvocate.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati