Notizie Locali


SEZIONI
Catania 13°

Wurstel con chiodi per ucciderei cani. Padroni allertati

Wurstel con chiodi per uccidere i cani. Padroni allertati

Sono stati dei netturbini del comune di Catania a trovarli sparsi per piazza Europa, piazza Martiri e corso Sicilia. Lo scopo sarebbe quello di eliminare i randagi

Di Rossella Iannello |

Catania – I cani in questi casi muoiono per emorragie dopo qualche giorno fra atroci sofferenze. Colpa dei chiodi nascosti nei pezzetti di wurstel o nelle polpette e in qualche caso anche nei biscotti lasciate per strada. Ed ora questo modo atroce e mortifero di liberarsi dei cani randagi è arrivato anche a Catania. Dopo essere state segnalate con orrore in tante zone d’Italia – da Ferrara a Firenze a Palermo e altrove – le esche avvelenate infatti sono state trovate anche nella nelle zone centrali della nostra città.Anzi, sono stati gli stessi operatori ecologici – è accaduto lunedì – a imbattersi durante la ripulitura di alcune zone, nei wurstel pieni di chiodi.

E’ successo nella zona di piazza Europa, ma anche in corso Sicilia e nella vicina piazza dei Martiri. La notizia è stata comunicata dagli stessi netturbini all’ufficio preposto del Comune e dell’Asp così come gli operatori hanno avvisato alla spicciolata i tanti proprietari di cani impegnati nella passeggiata serale con il loro amico a quattro zampe: “se il suo cane mangia le cose che si trovano a terra – è stata più o meno la comunicazione – faccia attenzione, abbiamo trovato wurstel con chiodi in tante zona. Spargiamo la voce, e non lasciamo correre liberi gli animali”. 

E l’allarme è rinbalzato subito sui social network dove l’appello lanciato da una signora cinofila su Facebook è stato condiviso da tantissimi per evitare una fine crudele ai cani portati a spasso. Pericolo mortale continuano a correre ovviamente i tanti randagi alla ricerca di cibo.E anche il Comune, dal canto suo, si sta adoperando per cercare di limitare i danni del crudele e inconsulto stratagemma per liberarsi dei cani. In piazza dei Martiri, come mostra la foto, su un palo è stato affisso un eloquente cartello: «Comune di Catania: Attenzione, zona con possibile presenza di esche avvelenate». E più giù, aggiunte a penna sul prestampato «Polpette/wurstel con chiodi».Il o i responsabili di questa barbarie nei confronti dei cani – che vanno cercati – ovviamente rischiano una denuncia penale per il reato di maltrattamenti di animali. Un reato, previsto dall’art. 544bis del Codice penale punibile con pene fino a due anni di carcere.  

Rossella Jannello                                                    COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: