Notizie Locali


SEZIONI
Catania 23°

Mondo

Germania, anche Angela Merkel in quarantena

Di Rosanna Pugliese |

BERLINO – Angela Merkel annuncia il divieto di contatti in Germania, dove il coronavirus ha già infettato più di 20mila persone, e subito dopo si mette in quarantena. È stato il suo portavoce Steffen Seibert a rivelare in serata che la cancelliera ha incontrato di recente un medico poi risultato positivo. L’isolamento si svolgerà in casa, a quanto trapela, fino al test, a cui Frau Angela si sottoporrà nei prossimi giorni. Smart working anche per la cancelliera di ferro dunque, in una Germania semiparalizzata che vorrebbe evitare lo scenario italiano e rallentare l’avanzata della malattia.

La notizia della quarantena della Merkel – che ieri tra l’altro era stata fotografata a fare personalmente la spesa in un supermercato di Berlino – è l’epilogo di un’importante giornata di lavoro per il governo tedesco, che nel pomeriggio ha provato ad allineare i 16 Laender con una nuova stretta sulla vita pubblica dei tedeschi: ora potranno uscire in strada al massimo in due (incontrando anche una persona estranea al nucleo abitativo però). L’eccezione riguarderà soltanto le famiglie e coloro che già vivono assieme.

Nella stessa riunione si è decisa l’immediata chiusura di ristoranti e trattorie, laddove non fosse ancora in vigore. Chiusi anche parrucchieri e centri di cosmetica, che erano finora (diversamente dai negozi) dispensati dal blocco. «I casi di contagio da coronavirus aumentano a una velocità preoccupante», ha detto la cancelliera incontrando la stampa, e per questo occorre una «riduzione al minimo assoluto» dei contatti sociali. Nei luoghi pubblici, come i supermercati, andranno inoltre mantenute le distanze «almeno 1,5 metri, meglio due», ha spiegato la Bundeskanzlerin. Quelle che si annunciano oggi sono «regole non consigli», il rispetto sarà garantito attraverso «la sorveglianza della polizia e degli addetti all’ordine pubblico», e le «violazioni verranno sanzionate», la precisazione.

«Vi prego di contribuire e di mostrare ragionevolezza e cuore per salvare vite», l’appello della cancelliera ai concittadini, che la leader ha comunque ringraziato per la condotta tenuta finora, complessivamente in linea con le indicazioni date. Anche Merkel ha sottolineato però che i party sono «inaccettabili”: il richiamo è al fenomeno delle feste (i “coronaparty”) dei giovanissimi, che non hanno rinunciato nei giorni scorsi a incontrarsi nei parchi per celebrare il periodo degli esami di maturità. Un comportamento che ha suscitato indignazione nella politica come nell’opinione pubblica.

 Il vertice domenicale di oggi, cui hanno partecipato anche i ministri delle Finanze, degli Esteri, dell’Interno e della Salute, non è stato affatto segnato dall’armonia: anzi, il conflitto esploso con la Baviera che ha anticipato alcune mosse venerdì scorso, annunciando il divieto di contatti per prima, ha portato Markus Soeder a minacciare di lasciare la teleconferenza. E il potente governatore bavarese ha mantenuto regole più severe per il suo Land, dove non è possibile in assoluto incontrare persone (a meno che non siano del proprio nucleo abitativo) all’aperto. Anche la Sassonia ha poi annunciato un lockdown più severo: si potrà uscire di casa solo per andare al lavoro o a fare la spesa. Nel resto del paese invece, secondo quanto stabilito oggi, si potrà farlo oltre che per le emergenze e le necessità, anche per sport individuali o semplicemente per prendere una boccata d’aria.

Il coronavirus sta avanzando spaventosamente anche in Germania: il bilancio ufficiale del Robert Koch Institut è fermo ai 18.610 casi registrati fino alla mezzanotte di oggi, e 55 morti. Ma secondo i conteggi dell’università Johns Hopkins i positivi sono circa 24mila. COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: