Notizie Locali


SEZIONI
Catania 25°

Dossier Medicina

L’Arnas Garibaldi festeggia i 20 anni del Natale a Nesima

Il Commissario Straordinario, Fabrizio De Nicola ≪Raggiunti grandi risultati grazie a uomini eccezionali≫.

Di Redazione |

Al Teatro Sangiorgi di Catania, l’Arnas Garibaldi ha celebrato la ventesima edizione del “Natale a Nesima”, l’evento che, a cominciare dal 2004, riporta ogni anno i piccoli nati nel luogo dove sono venuti alla luce per festeggiare insieme.

In quattro lustri di attività, il dipartimento diretto dal Prof. Giuseppe Ettore, ha realizzato un funzionale progetto sulla salute delle donne, promuovendo percorsi di cura e di assistenza innovativi. 

L’evento è stato moderato dal giornalista Michele Cucuzza, con i saluti istituzionali in videomessaggio del Presidente del Senato, Ignazio La Russa, del Prefetto di Catania, Maria Librizzi, del Sindaco di Catania, Enrico Trantino, e del Presidente dell’Ars, Gaetano Galvagno.

Ad aprire l’appuntamento è stata la Ministra per la Famiglia, Eugenia Roccella, la quale ha ribadito la necessità di mettere a punto politiche efficaci per la famiglia. ““Ci siamo occupati di natalità sin dalla prima Finanziaria, – ha detto la Ministra – cercando di porre in essere azioni che vadano in direzione della protezione e del rilancio della famiglia. In tutti i settori possibili: nel mondo del lavoro, nella sanità e in tanti altri”.

Alle parole del ministro ha fatto seguito un bellissimo video-racconto delle venti edizioni della festa, a cui hanno partecipato personaggi straordinari che hanno fatto la storia della nostra città.

A dare il benvenuto è intervenuto, poi, il Commissario Straordinario dell’Arnas Garibaldi, Fabrizio De Nicola, il quale ha ricordato il lavoro svolto in questi anni. “In questi anni – ha detto il manager – abbiamo ci siamo impegnati con progettualità e orgoglio, raggiungendo obiettivi importanti anche in periodi difficili, com’è accaduto durante la pandemia o nei giorni successivi all’alluvione del 2021. Nel nostro ospedale, in venti anni, sono nati ben 40 mila bambini, segno che abbiamo instaurato un solido rapporto di fiducia con la città”.

Particolarmente applaudito anche il messaggio di Mons. Luigi Renna, Arcivescovo di Catania, il quale ha voluto sottolineare la necessità di riscoprire il vero valore del Natale e di colorarlo principalmente con il valore della famiglia.

Di grande spessore tecnico, invece, sono stati gli interventi di alcuni protagonisti nazionali del settore materno-infantile, come Giampaolo Donzelli, Ordinario di Neonatologia all’Università di Firenze, Antonio Ragusa, Direttore dell’U.O.C. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Maggiore di Biologia, e Silvia Vaccari, Presidente Nazionale delle ostetriche.

Non è mancata, infine, la voce della società civile, politica e religiosa, con gli interventi di Linda Laura Sabbatini, già Direttore dell’ISTAT, Maddalena Morgante, deputato presso la Commissione Affari Sociali e Sanità della Camera, Rosmarì Scilanga, Responsabile Pastorale Familiare della Conferenza Episcopale Siciliana, nonché quello di Giusy Malato, campionessa di pallanuoto pluridecorata a livello internazionale. 

In chiusura, Il Prof. Giuseppe Ettore ha voluto sottolineare con parole davvero toccanti il significato della natalità.

“L’evento della gravidanza e quello della nascita sono momenti speciali – ha detto il primario – per la madre e per il padre. L’arrivo di un figlio comporta una riorganizzazione della vita, che riguarda in primo luogo la sfera personale della donna divenuta madre, chiamata ad affrontare un mutamento sul piano emotivo, affettivo, psicologico e sociale. Festeggiare ogni anno la nascita rinnova molteplici emozioni, riflessioni, valutazioni e progetti”.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: